Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Stop e frecce che non si vedono – Persino le alte crossover possono dare problemi.

C’è stato un tempo, nel design dell’auto, in cui sono andati di moda i gruppi ottici posteriori messi il più in alto possibile (ovviamente non sulle tre volumi) e sviluppati in verticale. Così si favorisce la visibilità di frecce e stop da parte di chi segue e si riduce il rischio di tamponamento, si diceva. Parole sante. Erano i primi anni Novanta, quelli del debutto dello stop centrale obbligatorio, della prima Fiat Punto e della Volvo 850-V70, per esempio. Poi, si sa, le mode passano. E, di fronte all’estetica, la sicurezza può attendere. Guardate qui.

2016-infiniti-qx50-107-876x535

Questa è la Infiniti QX50 (quella che sta uscendo dal mercato, tra qualche mese arriva il modello tutto nuovo). Nonostante i gruppi ottici principali non siano proprio piccoli (e come potrebbero esserlo, in una crossover?), un’importante appendice è stata confinata nel paraurti. L’altra sera me n’è capitata davanti una in mezzo a nebbia e traffico e non è stata una bella esperienza intuirne le manovre.

Cerco il pelo nell’uovo di un modello rarissimo in Italia? Può darsi. Ma non mancano casi più diffusi, come quello dell’Alfa Romeo Mito (anche se qui il problema è dovuto più al disegno dei fari e all’uso dei led, ma il paradosso è che parliamo di un’auto derivata proprio dalla Fiat Punto). E nemmeno certe moto, come la Mv Agusta Brutale, brillano.

  • Pierangelo |

    Sono d’accordo sull’importanza delle luci posteriori sopratutto in caso di nebbia, come segnalato nell’articolo, ma volevo porre l’attenzione anche sull’uso improprio che si fa del faro retronebbia, utilissimo fintanto che l’auto che ci segue è a debita distanza ma decisamente fastidioso quando si è a pochi metri dall’auto che ci precede perchè si sta viaggiando in colonna o si sta guidando in città; io di prassi lo tengo acceso quando in caso di nebbia non vedo alcuna auto dietro di me e lo spengo quando la vedo che mi sta dietro; assolutamente non lo uso in centro città dato che è impossibile non vedersi anche con le luci normali, questione di buon senso! riguardo alle frecce poi ho notato che ormai sono diventate un’optional, adesso che gli incroci sono stati man mano sostituiti con le rotatorie a maggior ragione si dovrebbe segnalare da che parte si vuole girare ed invece è sempre una scommessa capire le intenzioni di questi automobilisti, non c’è tempo per spingere la levetta delle frecce o in su o in giù, però usare il telefonino mentre si guida il tempo lo si trova!

  Post Precedente
Post Successivo