Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Alcuni Kymco si spezzano in due e nessuno interviene

Questa è una brutta storia. C’è uno scooter che si spezza in due (letteralmente), il suo importatore che non si preoccupa né di avvisare i clienti né tantomeno di richiamare gli esemplari difettosi e un ministero che non interviene,confermando una "tradizione consolidata". In mezzo, poveri cittadini che, dopo aver rischiato la pelle, hanno avuto difficoltà persino a farsi risolvere il problema in garanzia. Me ne sono occupato ieri sera a Mi Manda Raitre: solo pochi minuti lasciati liberi dal caso precedente (è il brutto della diretta), ma dietro c’è un lavoro partito a ottobre che di fatto ha sostituito quello del ministero (sì, ieri abbiamo fatto vero servizio pubblico). Per dimostrare che c’è un difetto strutturale.

Il problema riguarda due modelli della taiwanese Kymco, il People S sia in versione 150 sia in versione 200, rappresentata in Italia dalla Padana Ricambi. Possibile che l’importatore, almeno sulle prime, non abbia trovato nulla di meglio che rispondere con accuse ridicole ai propri clienti? Possibile: ad alcuni ha detto che avevano sbattuto contro un muro, ad altri che i casi di rottura vengono prevalentemente da Roma e Napoli, dove le strade fanno schifo e si guida ancora peggio. Come se tutti gli scooter di ogni marca (compresi i Kymco di altro modello) si spaccassero tutti in due. E come se non ci fosse una direttiva europea sulla sicurezza dei prodotti che impone al produttore di fare di tutto per evitare rischi ai clienti e di fare di tutti per segnalare ed emilinare i difetti pericolosi. Era da sei anni (dal caso delle bielle che si rompevano sistematicamente sui vecchi turbodiesel Peugeot 1,9 prodotti dal ’97 al ’99) che non vedevo una situazione così grave e la mancanza di volontà di fare un richiamo.

Tutto questo è possibile per due motivi. Da un lato, le norme ci sono e danno alle istituzioni poteri vasti di controllo e imposizione di rimedi, ma non ci sono soldi per mettere in piedi vere strutture che si occupino di queste cose (anche perché qualcuno pensa siano inutili, data la bassa percentuale di incidenti dovuti a guasti meccanici, che però è sistematicamente sottostimata dalle statistiche, come scrivo da anni). Dall’altro lato, l’importatore sa che i controlli non ci sono e che un richiamo comporterebbe quantomeno la costosa e lunga sostituzione del telaio, con la prospettiva di non potersi rivalere sul costruttore che sta a Taiwan e non è soggetto alle leggi europee.

Una situazione analoga a quella vista l’anno per alcune gomme cinesi difettose. Solo che in quel caso alla fine l’importatore è stato costretto a svenarsi per fare un richiamo: eravamo negli Usa, mica in Europa (la sensazione,confortata dalla lettura dei bollettini Ue sui prodotti difettosi, è che negli altri Stati europei non vada meglio che in Italia, perché tutti i richiami dei veicoli avvengono – quando avvengono – su iniziativa di produttori e importatori e non delle autorità statali). Il problema riguarda praticamente tutta l’Europa: l’ho notato in tanti altri casi consultando il Rapex (potete farlo anche voi, http://ec.europa.eu/consumers/dyna/rapex/rapex_archives_en.cfm), che è il sistema di notifica Ue dei difetti pericolosi e dal quale emerge che in materia di veicoli i richiami si fanno quasi esclusivamente su iniziativa delle aziende e non delle autorità. Il caso-Kymco lo conferma in modo ancora più impietoso: se guardate il Rapex, vi troverete dentro solo due richiami per questa marca, entrambi a cura dell’importatore greco (tra l’altro, da poche settimane ce n’è in corso uno sull’MXU 500, sempre per problemi strutturali). Può anche essere che gli unici Kymco sfortunati si vendano lì, così come può essere che il richiamo sia stato fatto in tutta Europa e solo i greci si siano ricordati di renderlo pubblico. In quest’ultimo caso, la realtà sarebbe sconfortante: si sa che la Grecia in materia di sicurezza stradale è uno dei peggiori Paesi d’Europa.

L’unica speranza fondata è che la magistratura inizi a indagare per vedere se – oltre alle norme sui prodotti difettosi (che comunque nel nostro caso prevedono una sanzione massima di 30mila euro) – siano stati violati anche articoli del Codice penale. Vi terrò informati.

  • roberto |

    buon di sono l’avvocato Roberto del Giudice, proprietario del kymco people one s 125
    in uso a mia moglie, riscontro che avendo difficoltà a poggiare i piedi, l officina autorizzata mi comunica che si è piegato il telaio in prossimità della pedana. anno 2017 ancora in garanzia, 5 anni, km 15000 circa. vi aggiorno se adirò le vie legali, è opportuno notiziare dello scarsa qualità dei materiali adoperati, essendo lo scooter in uso a mia moglie con velocità di punta di 40 km

  • Riccardo Cusmano |

    Voglio entrare nella discussione sui prodotti difettosi e che magari nessuno vuol pubblicizzare, per raccontare un fatto che mi è capitato di recente e dove stavo passando grossi guai,per non dire la perdita della stessa vita,mia e quella di mia moglie. In poche parole si è spezzato senza nessun preavviso il cannotto dello sterzo del mio kmico people 250 del 2003. Questo e avvenuto dopo che fortunatamente mi sono fermato,ero in tangenziale, perché ho capito che c’era qualcosa che non andava! Appena fermato,lo sterzo si blocca. Chiamo il carro attrezzi,porto il mezzo sotto casa,appena sceso dal carro attrezzi la ruota si stacca di netto!Siamo stati posso dire…..miracolati! Lo scooter l’ho avuto solo io e non è stato mai incidentato,tutti i pezzi ancora originali comprese forcelle ed ammortizzatori. È facile poi dare tutta la colpa,che può essere anche vero in piccola parte,alle nostre strade sconnesse e piene di buche,ma le nostre vite sono affidate anche ai mezzi di locomozione che oggi sono diventati indispensabili e per questo dobbiamo fidarci ed essere sicuri di essi.. Almeno io penso questo,e quello che mi è capitato non è concepibile e giustificabile oggi!
    Non sono al corrente in questo momento se ci siano stati altri casi del genere,ma sicuramente è un caso grave che volevo mettere alla luce,anche se sicuramente rimarrà una voce nel deserto!

  • Maurizio Caprino |

    Non ho segnalazioni recenti, quindi si direbbe che il problema non riguarda esemplari degli ultimi anni.

  • maurizio |

    Gent.Dott.Caprino, sarei intenzionato a comprare un People 200 s del 2014 che per come l’ho visto e provato appare in ottimo stato A suo avviso e per quanto ne è a conoscenza potrebbero ancora ripresentarsi quei problemi strutturali anche per questo mezzo immatricolato nel 2014 ? Grazie

  • Emanuele |

    6 luglio 2016
    Rottura telaio People 200s kimko
    Fortuna che li racconto!
    Non sono andato ancora dalla casa madre che posso fare??
    Grazie

  Post Precedente
Post Successivo