Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Zero morti sull’Autofiori nel 2012

Chi lo ha detto che in autostrada la netta diminuzione degli incidenti mortali é merito solo del Tutor? C’è un tratto in cui la velocità media non è controllata ed è pure molto difficile piazzare l’Autovelox e il Telelaser (la sede stradale è piuttosto stretta), eppure il 2012 si è chiuso con zero morti: è la Savona-Ventimiglia (gestione Autofiori). Come mai?

Miglioramenti strutturali non ce ne sono stati e, d’altra parte, comporterebbero lo sbancamento di tante colline e il rifacimento di troppi viadotti. Così ci si è concentrati sulla messa in sicurezza delle gallerie, sulla manutenzione e sulla rapidità dei soccorsi. Il resto lo hanno fatto i progressi dei veicoli e, secondo il gestore, il miglior comportamento dei guidatori, grazie anche ai pattugliamenti della Polizia stradale.

Ora, giustamente, Autofiori mette le mani avanti: quando arrivi a zero morti, basta un nonnulla che capita casualmente per rovinare le statistiche dei prossimi anni. Buona fortuna.

  • Marcello |

    La spiegazione è molto semplice, l’autostrada in questione è cara come il sangue, per andare a Ventimiglia partendo da Celle Ligure ci si trova a pagare un pedaggio di 13 euro circa, per un tragitto di poco più di 100 km. Ragion per cui uno se ne guarda bene di andare forte (è quasi impossibile visto il tortuoso tracciato) e allora si cerca di risparmiare al più possibile il carburante per ovviare all’inverosimile salasso del casello.

  • Maurizio Caprino |

    Sì, lo scrive anche il gestore. Ma non ne sono così convinto: meno traffico vuol dire soprattutto meno incidenti, ma anche più velocità, che può innalzare la mortalità. L’esempio estremo è quello del caos di Napoli: basse velocità, tanti incidenti e pochi morti (nonostante un uso delle cinture ancora bassino).

  • Simone |

    Mi scusi, ma perché non considera l’effetto della riduzione del traffico causa crisi e aumento pedaggi/carburanti?
    Sicuramente gli investimenti in sicurezza hanno pagato, ma se circolano meno auto la probabilità di incidenti si abbassa comunque.

  Post Precedente
Post Successivo