Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Anarchia a Lampedusa? Il problema c’è in tutte le piccole isole

Rifiuti abbandonati, degrado di tutti i tipi, collegamenti difficili nonostante i soldi per "rifare" l'aeroporto. Fa molto riflettere il reportage dell'Espresso su Lampedusa, questa settimana: altro che paradiso delle vacanze, altro che zona franca in cui Berlusconi aveva strombazzato di comprarsi una villa. Ma, tra gli esempi citati dall'inviato del settimanale, ce n'è uno che calza poco: quello sull'indisciplina per strada.

Nel descrivere il giro dell'isola fatto con la sconfortata sindaca, l'inviato ha lasciato intendere che Lampedusa si distingua anche per avere abitanti refrattari alle regole stradali. La verità è un'altra: nelle piccole isole il Codice di fatto non è in vigore. Troppe "pastoie" per una circolazione fatta di pochi veicoli su poche  e strette strade, spesso sconnesse. Quindi, velocità  minime e guidatori che praticamente si conoscono tutti. Almeno nelle isole davvero piccole e poco abitate, com'è appunto Lampedusa: già a Ischia, che pure rientra formalmente tra le piccole isole, è diverso.

E allora niente stupore se casco e cinture sono ancora sconosciuti, se i veicoli sono spesso in cattivo stato e se si guida seguendo più le consuetudini e quello che pare il buonsenso invece delle regole.


Intendiamoci: non è che sia giusto pensarla così. La sicurezza deve essere un abito mentale, una questione di procedure anche rigide che si seguono, non di semplici consuetudini e buonsenso che spesso vengono stabiliti da persone "poco esperte". Anche perché poi d'estate le abitudini degli isolano cozzano con quelle dei tanti turisti che si riversano sulle stradine locali.

Ma di certo nelle piccole isole le conseguenze sono meno gravi che in altri contesti. E in ogni caso il problema non è solo di Lampedusa, ma di tutte le realtà di quelle dimensioni. Anche quelle meno degradate.

Tags:
  • giorgio |

    Tutti si ergono a paladini di Lampedusa, come mai non guardate a casa vostra? Ma chi vi crdete di essere, sapate i problemi che gli isolani sono obbligati a vivere giorno per giorno? dalla sanità,hai trasporti,al costo dei carburanti, alle mamme che devono partorire,alle famiglie che devono mandare i figli a scuola e via dicendo. Perchè non andate a vivere sopratutto in inverno quando manca tutto e sono dimenticati dal mondo?

  • karl |

    Sono un assiduo frquentatore dell’isola da trentanni. Il male di Lampedusa non è il traffico che tutto sommato scorre a passo d’uomo senza pericoli, ma il degrado in cui versa l’isola per la sporcizia, il randagismo, l’abusivismo, ecc. A proposito di abusivismo ultimamente son ospite di amici che hanno comprato una casetta. Loro che vogliono fare le cose in “regola” hanno chiesto dei permessi Alla soprintendenza di Agrigento per e seguire dei lavori. Sono passati due anni ancora nessuna risposta dopo molti solleciti

  • Seminara |

    Ormai l’Italia è stracolma di saccenti opinionisti che pretendono di spiegare alle masse come stanno realmente le cose su questo o quell’argomento. Purtroppo sembrerebbe sempre più diffusa l’abitudine di farlo senza conoscere l’argomento in questione. Chi conosce Lampedusa sa infatti capire immediatamente che chi ha scritto questo articolo non ci si è mai recato. La cosa più grave è che forse non si è neanche degnato di verificare, prima di scrivere, quanti abitanti e quanti veicoli ci sono davvero.
    [risponde Maurizio Caprino] Premesso che a Lampedusa ci sono stato due volte, che sono nato in Sicilia e che le piccole isole le conosco quasi tutte (mi mancano solo quelle minori dell’arcipelago toscano), l’articolo stigmatizzava il fatto che il sindaco (o il giornalista che ha scritto l’articolo da me segnalato) pretendeva di dire che a Lampedusa c’è degrado citando l’indisciplina stradale, che invece alle piccole isole è connaturata. Chiaro?

  • Nicolini |

    Di degradato c’é L’Espresso e chi ci scrive.
    Se al sindaco non piace l’isola che emigrasse. È da 30 anni che fa politica, giá vicesindaco nel 1985 per cui il degrado se c’è la creato lei e la sua famiglia di abusivi

  Post Precedente
Post Successivo