Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

L’Antitrust multa i big dei guard-rail. Come si sospettava

Ci sono voluti due anni, ma alla fine si è arrivati alla condanna dei più importanti costruttori nazionali di guard-rail da parte dell'Antitrust. Fracasso, Imeva, Tubosider, Car, San Marco, Ilva Pali e Steam Generators (più nota col vecchio  – e "altisonante" - nome di Marcegaglia Building) avrebbero costituito nel 2003 un consorzio (il Comast) per fare cartello e così influenzare gli appalti. La questione è complessa, ma significativa di come il settore va da decenni. E nessuno ne parla, nonostante ne vada della sicurezza di tutti.

L'Antitrust, a sua volta, era intervenuta dopo un'inchiesta penale della Procura di Trento. Un particolare che può turbare, ma almeno dimostra che almeno a volte qualcuno tiene la guardia alta.

Ora c'è da aspettarsi la trafila dei ricorsi al tar contro la decisione dell'Antitrust. Vedremo come andrà a finire.

  • Domenico |

    La condanna spiega tutto.
    Ecco perchè in Italia la diffusione dei guard rail è così diffusa e ce li troviamo anche dove non servono diventando paradossalmente pericolosi.
    E’ stata violata la libera concorrenza impedendo non solo ad altri fornitori esteri di proporre nuovi guard rail, ma soprattutto impedendo che soluzioni a sicurezza passiva alternativi ai guard rail, si diffondessero in Italia.
    In altri paese europei si vedono sempre meno guard rail e sempre più pali cedevoli UNI EN 12767 e UNI EN 12899-1.

  • Matteo |

    c’era anche un’indagine della procura di Trento in corso: come è andata a finire?
    [risponde Maurizio Caprino] Non mi risulta siano approdati a conclusioni significative.

  • flori2 |

    La multa è in proporzione con i guadagni illeciti oppure sono caramelle?

  • Paoblog |

    Il Consorzio si è formato nel 2003 e, a quanto leggo, si è sciolto nel 2007. La sanzione arriva a fine 2012. I “danni” sono stati fatti, una delle società è già in liquidazione. La tutela da parte delle Autorità dovrebbe essere in tempo reale o quasi. Ma, d’altro canto, siamo in Italia…ed infatti 20 anni dopo Tangentopoli siamo qua con Fiorito & C….

  Post Precedente
Post Successivo