Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Vigile ucciso a Milano: che c’entrano le Suv?

Io una Suv non la comprerei mai: non mi serve. E penso che razionalmente non serva nemmeno alla maggior parte di chi invece ne ha acquistata una: a ben vedere, una station wagon (di pari categoria, ovviamente) offre più o meno lo stesso spazio e ha una lunghezza analoga, ma ha il vantaggio determinante di consumare meno. Dunque, una Suv serve soprattutto ad appagare esigenze e desideri in termini di status, percezione di protezione, visibilità da e verso lontano e sensazione di ariosità. Che personalmente non ritengo valgano la pena di sobbarcarsi consumi e minor maneggevolezza tipici di questi mezzi.

Faccio questa lunga premessa per dire che non amo le Suv. Ma non per questo credo le si debba colpevolizzare sempre e comunque, come implicitamente si sta facendo in queste ore di caccia all'uomo dopo che con una Suv ieri sera è stato deliberatamente investito e ucciso un vigile a Milano. Dai mezzi d'informazione sta emergendo la ricostruzione di una vicenda ancora poco chiara, che potrebbe persino essere nata non dall'inquietante follia stradale di chi – frullato dalla giungla urbana - all'improvviso travolge chiunque lo ostacoli, come sembrava all'inizio. Potrebbe essere un caso più normale: due malviventi che hanno cercato di sottrarsi a un controllo in cui erano casualmente incappati. E in queste ore gli stessi mezzi d'informazione citano altri casi recenti di follia stradale in cui le Suv non c'entrano nulla. Ma nei titoli delle notizie su questo fatto orribile, così come in quelli sul bambino investito e ucciso l'altro ieri nel parcheggio del suo asilo nel Lodigiano, campeggia sempre la parola "Suv". Per noi che facciamo i giornalisti, è evidente che questo è un ammiccamento al pubblico per catturarne l'interesse e guadagnarsi una copia, un clic o una frazione di share in più. Ma per le persone normali è un chiaro invito a pensare alla pericolosità delle Suv e all'arroganza di chi le guida.


Quanto alla pericolosità, non si può negare che il peso esagerato di molte Suv crea problemi se si viene urtati da una di esse. E non di rado il comportamento di una Suv in una manovra d'emergenza, per quanto lodato da chi lo descrive al pubblico (perché si fa il paragone con altri mezzi della stessa categoria), è peggiore rispetto a quello di una station wagon. Ma nel caso del povero vigile ucciso ieri tutto questo non c'entra nulla: se hai davanti una persona a piedi e decidi di travolgerla o comunque di impedire che possa fermarti in quello che stai facendo, puoi ucciderla anche con una Smart o uno dei pochi modelli appena usciti a pieni voti dai crash-test sui pedoni.

Quanto all'arroganza di chi guida una Suv, non nego che possa esserci. Ma attenzione: nella giungla urbana può anche essere arrogante chi può permettersi solo un'auto ben più piccola (lo ricorda proprio oggi Paoblog a proposito delle Smart). E, al contrario, oggi sul mercato si possono trovare anche Suv di marchio prestigioso ma con una quindicina d'anni sulle spalle, che ormai non valgono più nulla e vanno in mano anche a bulli di periferia che campano di espedienti; quindi, ogni facile accostamento tra l'arroganza e il reddito di una certa classe di vecchi e nuovi ricchi alla guida di auto del genere va a farsi benedire. Dalle prime foto pubblicate, questo sembra proprio il caso dell'omicidio di Milano.

Peraltro, qualsiasi auto ti permette di trasformarti in assassino "a buon mercato": la vittima la intravedi e basta, tutto ti pare attutito e per questo accettabile, se non addirittura virtuale come in un film o un videogioco. Non senti il suo respiro, forse nemmeno le sue urla. E nessuno vede chi sei. E' un po' come sparare stando appostato su un tetto con un fucile di precisione. In fondo, è lo stesso meccanismo che, senza arrivare all'omicidio, in ogni momento mette rispettabilissime persone in condizione di commettere infrazioni gravi e antipatiche o di assumere comportamenti che nemmeno s'immaginerebbero di avere stando fuori dal guscio dell'auto che garantisce anonimato e impunità.

Alla fine, nell'incertezza sulla ricostruzione del fatto, questo orribile omicidio sfugge a tante analisi sociologiche che si sono subito lette in queste ore. Resta in piedi solo la considerazione sulla vita dei vigili: contrariamente a quanto molti credono e a quanto il modo di lavorare di alcuni ci fa credere, la rischiano anche loro. E, alla luce dei tagli che stanno colpendo anche questa categoria, c'è chi si chiede se ne valga la pena.

  • MarcoBerl |

    Certo un articolo cosi sarebbe stato “leggermente” piu completo con le statistiche (quindi realta) redatte sia in California quanto a Parigi che dicono che:
    Nei casi in cui in UN INCIDENTE è coinvolto UN SUV contro un’altra auto (non suv), un motociclo, un bicicletta e un Pedone, si registrano IL 70 % DI CASI IN PIU di FERITI GRAVI E MORTI rispetto allo stesso incidente in cui al posto del suv è convolta un’auto normale. Con queste statistiche in california (GIUSTAMENTE) le assicurazioni per suv sono maggiorate visti costi ACCERTATI alle stesse. e in molte zone di centri storici di citta nord UE non è concesso l’accesso.
    Per il resto.. continui pure a chiedersi se sono piu o meno pericolosi.. I SUV SONO PERICOLOSI PER TUTTI QUELLI CHE NON HANNO SUV

  • Paoblog |

    Ed ecco che per l’omicida arrivano le attenuanti. Dove sia la giustizia non lo so, ma sicuramente si è perso per strada anche il rispetto per le vittime. Che vergogna.
    Vedi: http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/13_maggio_16/vigile-tavolto-suv-rom-concesse-attenuanti-contesto-vita-difficile-2121166746723.shtml

  • diana |

    Domanda per gli addetti del settore che frequentano questo blog: fatto salvo che i danni prodotti dall’impatto di un’auto da 1 tonnellata sono diversi da quelli di un veicolo di 2 tonnellate abbondanti, statisticamente i SUV -o, meglio, i loro guidatori- causano incidenti con maggiore frequenza rispetto a veicoli di potenza o massa simili (es. SW) o no?
    Se fosse così, non partirei comunque dal presupposto che _tutti_ i guidatori di SUV causano incidenti, di sicuro però li guarderei con maggiore attenzione…
    [risponde Maurizio Caprino] No, non esistono statistiche probanti. Anche perché non esiste nemmeno una definizione univoca di Suv: ce ne sono anche di molto piccole e non così alte, ormai…

  • Massimo |

    Già… strade sicure. Si era già parlato dei prestanome in questo blog, così occorre ribadire che (Suv o non Suv) il problema sta anche qui. Occorre cambiare la norma. Anche perché scopo principale è prevenire, evitare che con quel veicolo si circoli, evitare di creare i presupposti per le tragedie della strada. Si, dopo i delinquenti si prendono, dando magra soddisfazione ad amici e parenti, ma oramai il guaio è fatto. Poi si passa alla legislazione penale. Troppo debole e con pene ridicole, talmente lassa che furbescamente il serbo chiede ai magistrati ungheresi di essere estradato in Italia! Ho la sensazione che se invece di Italia, ci chiamassimo Stati Uniti d’America non sarebbe stato così solerte. Ultimo problema (questo relativamente al caso specifico): le pene per i minorenni. A mio modo di vedere per reati gravi (es. omicidio, violenza sessuale) i minorenni dovrebbero essere giudicati dal Tribunale Ordinario e poi scontare la pena in strutture minorili. Ci sarebbe anche il problema delle Polizia Locali ma questa è tutta un’altra storia… Cordialmente.

  • moldova |

    ciao, io ho un suv perchè vado spesso in Moldova e da lì in Ucraina, stato delle strade disastroso, precedente esperienze con Audi SW da dimenticare con sospensioni da rifare dopo ogni viaggio, con il Sorento nessun problema, gomme da neve e via… non ti ferma nessuno. Vero che consuma molto di più, ma risparmio poi sulle riparazioni. Da quelle parti Suv a gogo. Se poi, come quest’anno la neve la vedi col binocolo pazienza. Cordoglio per l’eroico vigile.

  Post Precedente
Post Successivo