Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Bimbo scende dall’auto e la mamma lo investe: l’importanza delle procedure

Adesso finalmente si capisce qualcosa in più sull'incidente costato la vita ieri a un bambino in provincia di Treviso mentre  la mamma lo lasciava davanti alla scuola. Le prime notizie riportavano una dinamica apparentemente inspiegabile: il bimbo sarebbe sceso dall'auto e la cinturina dello zaino si sarebbe impigliata, lasciandolo attaccato all'auto che ripartiva. La madre non se ne sarebbe accorta e avrebbe trascinato il figlio per un centinaio di metri.

Poi pare sia emerso che:

– l'auto in realtà era un camper (dunque, rispetto a una comune vettura, il conducente ha una visibilità migliore davanti e peggiore di lato e dietro;

– il bimbo sarebbe stato trascinato per molto meno di 100 metri e sarebbe morto solo perché, con la rottura della cinturina, sarebbe caduto rimanendo travolto dalle ruote posteriori del camper.

Una tragedia che spezza il cuore, perché ha colpito un bimbo innocente e la sua famiglia. E perché è stata causata da una serie di circostanze che ha dell'incredibile. Ma non per questo bisogna abbandonarsi al fatalismo: è un'occasione per capire l'importanza delle procedure.


Sì, le procedure. Quelle che dovresti ripetere sempre e che ti fanno sentire ridicolo. Come ti fanno apparire ridicoli i piloti dell'aereo su cui stai partendo, quando vedi che aspettano troppo tempo prima di muoversi un metro in avanti o li senti dire agli assistenti di volo di prepararsi al decollo (non sono già abbastanza grandi e vaccinati da capire che si sta arrivando all'inizio della pista?). Eppure le procedure nei trasporti pubblici non su gomma ci sono, sono rigide e perlopiù si rispettano. Un motivo ci sarà pure…

Quindi è bene imporcele anche in auto. Soprattutto in fasi "stupide", come proprio le manovre a bassa velocità. E non basta attenersi al Codice della strada. Per esempio, alla mamma del bimbo morto ieri, per essere in regola nel ripartire davanti alla scuola, bastava solo mettere la freccia e guardare verso sinistra per capire se sopraggiungeva un altro veicolo. E invece, stando su un camper, sarebbe stato consigliabile adottare la procedura di guardare pure nel retrovisore esterno destro, per vedere se la fiancata (poco visibile dal posto guida, su veicoli del genere) era "libera".

Un'altra raccomandazione che vale per tutti è quella di guardare in tutti e tre i retrovisori, in successione rapida e alternata di continuo, mentre si fa retromarcia. Anche quando si ha la ragionevole certezza che non ci sia nessuno. Perché è già successo di bambini schiacciati nel garage di casa da genitori in manovra.

Per fortuna, almeno in retromarcia, anche la tecnologia più semplice può darci una mano: bastano i diffusissimi sensori a ultrasuoni, montabili pure su auto sprovviste in origine. Ce li vendono come ottimi per evitare di graffiare l'auto in parcheggio, ma "valgono" molto di più.

  • luisa |

    ebbene sì. è una grave tragedia. Ma prima di ripartire perchè non accertarsi che il bambino sia arrivato a destinazione ? Cioè : sceso, aperto la porta della scuola ed entrato.
    [risponde Maurizio Caprino] Su questo un’attenuante c’è: la mamma pare stesse solo andando a parcheggiare, visto che insegna nella stessa scuola e quindi dopo qualche istante vi sarebbe dovuta entrare anche lei. Questo però dimostra ancora una volta l’importanza delle procedure: la sicurezza di sentirsi come a casa ha giocato un tragico scherzo.

  • no name |

    Concordo pienamente. E l’ulteriore tragedia odierna, col bimbo di tre anni travolto dinanzi all’asilo dimostra quanto Maurizio Caprino abbia ragione.
    Le “procedure” infatti, non devono prevedere che un bimbo così piccolo scenda da solo dalla vettura. Anche per i pochi passi che lo dividono dal cancello della scuola materna.
    Ridiamo tutti dei telefilm Usa, dove ogni due per tre si parla di procedure e protocolli. Ma è così che, con un uso ovviamente intelligente, si salvano vite che altrimenti rischiano di spegnersi in terribili tragedie.
    Aggiungo alle “buone pratiche” il ritiro istantaneo della patente a chi guidi ad airbag inserito un veicolo tenendo a fianco un bimbo. Farlo giocare con un revolver carico sarebbe probabilmente meno rischioso.
    [risponde Maurizio Caprino] Nel caso di Lodi, però, c’è un problema: pare che a bordo ci fosse il secondo figlio della povera signora, che non poteva essere lasciato solo a bordo.

  Post Precedente
Post Successivo