Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La tazzina di caffè Mercedes non basta contro il colpo di sonno

Anche stavolta il marketing sta facendo effetto: la spia con la tazzina di caffè che si accende sulla strumentazione non è più una stravaganza, ma inizia a far entrare nella testa della gente che le auto (sempre più auto) possono essere dotate di rilevatori di stanchezza. E fin qui tutto bene. Il problema è che l'indubbia chiarezza grafica che quel simbolo ha può portare fuori strada (anche letteralmente) il guidatore medio. Tanto più se unita a come sono costruiti certi spot pubblicitari.

Prendiamo quello della Mercedes Classe C appena ristilizzata.


Certo, un restyling di sostanza, con tanti dispositivi avanzati di sicurezza aggiunti e poche novità di pura estetica (magari tutti i costruttori investissero così su tutti i loro modelli!). Però lo spot è giocato sul legame tra la tazzina virtuale che s'illumina nella strumentazione dell'auto e la tazzina reale che la bella protagonista si trova davanti appena entra nel locale pubblico dove decide di fermarsi (e dove l'attende un bel cavaliere anche lui stanco e dotato di Mercedes con rilevatore di stanchezza). Messaggio fuorviante: per ripartire in sicurezza non basta certo un caffè. Quello stesso caffè su cui ha puntato anche Autostrade per l'Italia facendolo offrire gratis di notte nelle aree di servizio.

Il punto è che la scienza ci racconta un'altra storia. Il caffè lascia il tempo che trova, è solo un po' meglio di rimedi del tutto inefficaci come aprire il finestrino, alzare il volume della radio e mettersi a parlare con eventuali passeggeri. Per combattere davvero la stanchezza, occorre DORMIRE. Anche per una mezz'oretta scarsa, ma dormire.

  • Raffaele |

    Certo che ognuno rimane per le proprie abitudini ma il caffè mi rimette da stanchezza. Sarebbe sicuramente opportuno riposare ma è meglio nel letto è più sicuro

  • Paoblog |

    Mi chiedo se un automobilista che non riesca a capire da solo che è stanco e che è il caso di fare una sosta, sia poi in grado di ubbidire al consiglio che gli dà un display…
    Senza contare che difficilmente uno che guida sino allo sfinimento accetterà poi di dormire mezz’oretta. (Sperando poi che i “soliti noti” non gli svuotino l’auto mentre dorme…)

  • marco |

    E’ proprio sbagliata concettualmente l’idea della tazzina di caffè, la caffeina impiega più di un’ora ad andare in circolo e fare effetto, quello che sveglia la mattina e’ lo zucchero che ha un circolo piu’ rapido, se si prende il caffè amaro per la dieta, addio effetto….
    Era meglio mettere un cuscino sulla spia, se la tempistica di tragitto si allunga troppo fra ingorghi, velocità al legale bassa e meglio sorvegliata e guidatore medio sempre piu’ anziano e quindi poco sveglio di per sè, la soluzione migliore è proprio restarsene a letto ………

  Post Precedente
Post Successivo