Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Arriva il riflessometro: niente multe, ma se sei stanco o ubriaco si ferma il motore

Volante riflessometro
 

Funzionerà? Sono molto curioso di vedere la presentazione ufficiale del primo riflessometro integrato nel volante di una vettura, che avverrà alle 11 di venerdì prossimo 11 marzo all'Auditorium della Provincia di Treviso, sponsor dell'iniziativa.

L'apparecchio serve, appunto, per misurare i riflessi del guidatore. Che poi sono l'unica cosa che conta per capire se è idoneo alla guida: può essere drogato, ubriaco o anche semplicemente stanco, ma i riflessi ne risentono sempre. Per questo, il riflessometro può anche essere montato e regolato per negare il consenso all'avviamento della vettura se il conducente fallisce il test preliminare dei riflessi (meglio prevenire alla radice le possibilità d'incidente che applicare maxi-multe, revoche della patente, confische e condanne penali a sinistro avvenuto), anche se sono curioso di vedere se e come sarà evitato l'annoso problema della sostituzione di persona: io che non sono idoneo chiedo a te che sei in perfette condizioni psicofisiche di fare il test al posto mio e poi, avviato il motore, mi metto lo stesso alla guida.

Il riflessometro dovrebbe comunque restare vigile anche durante la guida, svolgendo sotto questo profilo funzioni analoghe a quelle dei rilevatori di stanchezza (basati prevalentemente su una semplice telecamera, però) che si stanno vedendo su alcuni modelli lanciati in questi mesi (Volkswagen Passat, Volvo S60-V60) e su alcune Mercedes dell'ultima generazione.


Infatti, il riflessometro si è evoluto rispetto alla prima versione, che mi era stata mostrata da Giorgio Marcon (più noto per le sue campagne sull'inattendibilità degli etilometri, i "semafori truccati" e i malfunzionamenti dei T-Red) circa un anno fa e avete potuto vedere nella foto all'inizio di questo post. La versione attuale dell'apparecchio è perfettamente integrata nel volante di un'Alfa Romeo Mito e comprende anche una centralina esterna (piazzata accanto allo specchietto retrovisore interno, sembra un po' più grande di un navigatore) che può all'occorrenza fungere da scatola nera.

Sarà anche da vedere se il sistema sarà in grado di rilevare l'azione di quelle droghe stimolanti che di certo non abbassano i riflessi, anzi li eccitano. A venerdì, allora.