Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Le luci a led sono legali, ma non su tutti i modelli

Come da copione, si cominciano a vedere in giro auto (soprattutto Audi della penultima generazione) con luci a led posticce montate sui fari anteriori o nelle loro immediate vicinanze. E' il solito effetto-novità: una casa automobilistica adotta una soluzione estetica (e qualche volta pure funzionale) all'avanguardia (stavolta, soprattutto le "ciglia luminose" dell'Audi) e molti, non potendo cambiare auto, montano un "surrogato". Finché sono minutaglie come le finte antenne del navigatore fatte "a pinna" come quelle delle Bmw, poco male. Ma se parliamo di luci la questione si fa complicata. Tecnicamente e giuridicamente.

La pubblicità di queste luci è spesso rassicurante: dice che sono prodotti omologati. Ed è la verità. Ma l'omologazione è da intendersi in senso generico: in sintesi, attesta solo che il prodotto ha luminosità e colore del fascio in regola ed è compatibile con l'impianto elettrico di una vettura. Solo che non basta.

Infatti, per essere in regola occorre montare quelle luci in posizione corretta. E talvolta la forma del frontale non lo consente: ci vogliono superfici sufficienti per mettere i led in modo tale da rispettare le norme generali, che prevedono distante minime e massime da terra e dalle fiancate. Tanto che, per esempio, la Bmw ha nel suo listino accessori post-vendita luci per tutti i suoi modelli, salvo alcuni che non lo consentono proprio per la forma del muso. Se vi rivolgete alla Bmw, sono loro stessi a dirvi se l'operazione è fattibile; se invece andate da un elettrauto, dovete sperare che sia abbastanza coscienzioso da rinunciare a vendervi un pezzo generico montato alla bell'e meglio.

 

P.S.: in questo post ovviamente mi riferisco alle luci a led bianche e non intermittenti, che hanno caratteristiche pari a quelle delle luci di posizione. Luci di altri colori (come il blu-sirena della polizia, che va tanto di moda soprattutto sui camion) o che fanno strani giochi (tipo Supercar) restano fuorilegge.

  • Lampade a led |

    Grazie per averci informato su questo tema.

  • Domenico |

    Mi è capitato di vedere vedere i primi veicoli con led supplementari sul contorno faro della Ford Kuga.
    La ditte che producono tali fari o luci a led dichiarano che questi sono ‘a norma’:
    http://www.ricambituning.it/luci-led.html
    La domanda è cosa ne pensa il Ministero dei Trasporti?
    Come per i fari allo xenon, per essere a norma IL VEICOLO DEVE ESSERE SOTTOPOSTO A COLLAUDO ai sensi art. 78 cds o il produttore ha ottenuto l’omologazione e la compatibilità per determinati veicoli e quindi può certificarlo?
    Ovvero se un faro non originale viene prodotto da una ditta X, che è diversa dalla ditta Y che produce il faro di I equipaggiamento per quel determinato veicolo, dovrà omologare il particolare e anche certificarlo per il montaggio sul veicolo tipo xxx yyy zzz , così come per gli scarichi ed in parte per le pellicole scure per cristalli.
    [risponde Maurizio Caprino] Personalmente sarei per imporre visita e prova. Non solo per garantire che siano rispettate le posizioni di montaggio lecite (cosa per nulla scontata, visto che non stiamo sostituendo un faro di serie con un altro di forma uguale, operazione per la quale basta far entrare il nuovo pezzo nella stessa sede del vecchio), ma anche per accertare che quando si accendono gli anabbaglianti si spengano i led (che invece talvolta restano fastidiosamente accesi, come denuncia Paoblog http://paoblog.wordpress.com/2010/10/27/luci-diurne-accese-notte/ ).
    Ma sono proprio curioso di vedere se c’è qualche norma che ostacola queste verifiche che ritengo doverose. Chiederò alla Motorizzazione e vi farò sapere.

  Post Precedente
Post Successivo