Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Gli accessori dei camion/2 – Spegnete i parabrezza!

Ma avete visto che cosa sono diventati i parabrezza dei camion più nuovi e grandi, quelli che viaggiano in autostrada? Se fino a dieci anni fa facevano ancora scalpore alcune lucine d’ingombro di colore fuori norma e l’omino Michelin che svettava illuminato al centro, oggi sui vetri montano display di tutti i colori. Fuori norma anche quelli. Secondo molti, sono le solite norme oscurantiste. Ma l’altra sera mi è capitato di vederne uno in lontananza e di scambiarlo per un pannello a messaggio variabile dell’autostrada, tanto carico di elementi grafici sembrava annunciare chissà quali sciagure. Non crediate che fossi stanco od ubriaco perché è sempre possibile distinguere un portale autostradale dal parabrezza di un tir: semplicemente, tra me e lui c’era di mezzo un curvone, per cui il camion col display non era sulla mia stessa linea e quindi non potevo capire se fosse sulla mia stessa carreggiata o sull’altra. Ecco perché le norme sono prudenziali. Ed ecco perché vanno rispettate.

  • Riccardo |

    A distanza di quasi due anni leggo il suo post aperto su questo forum sulla sicurezza stradale.Probabilmente non leggerà nemmeno la risposta però tengo a inviarle un messaggio.
    In merito a quanto lei dice, mi sento di difendere la categoria essendo anche io un camionista.Leggendo tra le righe il suo messaggio, sta accusando i camionisti di essere colpevoli dell’insicurezza stradale a causa della loro “stravagante” personalizzazione dei lori mezzi. Mi sento di rispondere che avrebbe potuto impegnarsi di più nel guardare la strada e non i veicoli che incrociavano il suo senso di marcia, così facendo lei si è distratto e ha dato più attenzione alle lucine “illegali” di un mio collega piuttosto che a quello che poteva accadere davanti a lei, in quella frazione di secondo che il cervello ha impiegato a pensare: “queste luci sembrano proprio un tebellone luminoso autostradale!!!” Ora per la mia poca esperienza al volante(ho 22 anni e conseguito tutte le patenti A,B;C;KC,BE,CE;ADR), posso assicurarle che il problema della sicurezza stradale sta in ogni individuo e non nel camionista, piuttoste che il ciclista o il motociclista.In conclusione voglio ricordarle che i trasporti in italia vengono effettuati per piu del 90% su gomma e se lei pretende che la merce che acquista per la sua azienda, per la sua casa,per la sua salute, per la sua macchina o per qualsiasi altro suo bisogno sia sul mercato ogni giorno con puntualità, noi “CAMIONARI” dobbiamo montare sui nostri mezzi e correre(e quando dico correre vuol dire fare giorno e notte) a consegnare e anche nei tempi prestabiliti. Quindi non fate gli pseudo-perbenisti e rispettosi della legge quando le vostre esigenze si basano su una categoria lavorativa che viene sempre penalizzata e accusata ma regge l’Italia e il suo commercio!!(Ricordare gli scioperi dei trasporti)
    [risponde Maurizio Caprino] Reggere l’Italia non vuol dire sentirsi autorizzati a violare regole, che a qualcosa dovranno pur servire. Tanto più che nessuno mi ha ancora detto per quale razionale motivo le violate e continuate a farlo.
    Ovviamente questo vale per le violazioni di chiunque. Mi fa però effetto vedere che proprio professionisti come voi non capiscano a cosa servono le regole. E tirare in ballo le cifre sulla “non pericolosità” (peraltro pure su questa c’è da discutere) dei tir non serve assolutamente a nulla: se un camion-albero di Natale mi distrae, io vado fuori strada e l’incidente entra nelle statistiche come errore di un conducente di autovettura, senza che ci sia traccia del coinvolgimento di un camion. Questo un professionista di esperienza dovrebbe saperlo.

  Post Precedente
Post Successivo