Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Anche i limitatori di velocità hanno una tolleranza

Ieri repubblica.it ha rilanciato l’antico tema della tolleranza rispetto ai limiti di velocità. Ricordando che le velocità misurate dai rilevatori devono essere decurtate del 5% e trascurando che la legge impone questo non solo in Italia (lo scopo è evitare che si guidi con lo sguardo più al tachimetro che alla strada), ha puntato sul concetto di anarchia che regna sulle strade italiane. Poche ore dopo, ha arricchito il tutto con una videodichiarazione del ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, che rilanciava la proposta (da me commentata più volte negativamente in questa stessa sezione del blog) di rendere obbligatorio il limitatore di velocità anche sulle auto. Repubblica.it presentava questa dichiarazione come una conseguenza della loro denuncia sulla tolleranza. Peccato che – anche sui mezzi pesanti su cui sono già obbligatori – i limitatori debbano essere tarati con una tolleranza rispetto al limite massimo consentito in autostrada.

  • marcello |

    la tolleranza è giusto che sia applicata in quanto sia il tachimetro che il rilevatore di velocità non possono essere sicuri al 100%, ma in alcuni casi mi viene da ridere a vedere le velocità riportate su alcuni verbali. Riporto un fatto capitato a mia sorella pochi mesi fa.

    E’ arrivata la multa per un eccesso di velocità (velocità riscontrata dagli agenti 53 km/h, già decurtata della tolleranza) su una strada secondaria poco battuta con il limite di 50 km di Roncadelle (vicino a Brescia). la multa non era eccessiva e sommando la tolleranza si ottiene una velocità totale di 58 km/h.

    Non metto in dubbio il lavoro svolto dagli agenti ma considerando che su molte auto le velocità rportate sul tachimetro sono di 10 in 10, per un automobilista andare oltre la tolleranza dei 5km/h a basse velocità è molto facile.

    [risponde Maurizio Caprino] Non conoscendo la strada su cui si sono svolti i fatti, non posso giudicare. Ma concordo sul fatto che a bassa velocità ci sia da stare attenti. E non posso non notare che questo è uno dei casi cui facevo riferimento in coda all’articolo che ho scritto ieri per http://www.ilsole24ore.com: riferivo che proprio per questi motivi non di rado i rilevatori in città vengono fatti funzionare dai 65 km/h in su (solo per auto e moto), ma è bene non contarci perché non mancano i casi di applicazione fiscale delle norme.

  Post Precedente
Post Successivo