Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sanzioni lievi sulle superstrade non classificate

Il blocco dei tir ha reso evidenti alcuni “buchi” del Codice della strada. L’altro ieri, in un mio articolo sul sito del Sole-24 Ore, avevo dato consigli di comportamento per chi si fosse trovato in cosa e i lettori più attenti avranno notato che per alcune infrazioni (anche gravi) avevo indicato sanzioni solo in ambito autostradale o di strade extraurbane principali. Non avevo calcato la mano, per non istigare nessuno a violare il Codice creando altri rischi. Ma resta il fatto che l’unica infrazione punita piuttosto severamente anche sulla viabilità ordinaria è la marcia contromano su strade a carreggiate separate. Altre, come la retromarcia, o non hanno sanzione o ne hanno di irrisorie anche quando sono commesse su grandi arterie extraurbane con spartitraffico in mezzo, dove spesso nella pratica si viaggia a velocità pressoché autostradali.
Il motivo è forse il fatto che il Codice era stato scritto col presupposto che quelle strade sarebbero tutte state classificate come extraurbane principali. I fatti degli ultimi 15 anni hanno dimostrato che spesso questo non si può fare, perché i requisiti di classificazione sono piuttosto rigidi e non ci sono soldi per soddisfarli (per esempio, allungando le corsie di accelerazione). Il problema riguarda tante arterie importanti e anche le tangenziali di alcune grandi città (tra cui tutte quelle del Sud eccetto Napoli, Catania e Messina). E uno degli effetti è appunto che qui il Codice prevede sanzioni lievi come se fossero viuzze cittadine o tranquille stradine di campagna. Ma non si può risolverlo, se non aeguando le strade o introducendo fattispecie con sanzioni più severe.