Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il blocco dei tir: ora attenzione ad auto-lumaca e cartelli ai distributori

Si vede subito che l’Italia è a secco di combustibili: entrate in autostrada o in tangenziale e troverete che praticamente tutti rispettano i limiti. Stasera non lampeggiava più nemmeno il dissuasore di velocità sul viale dell’aeroporto di Bari, della cui inutilità vi ho parlato la settimana scorsa. Paradossalmente, continuo a vedere una guida più aggressiva in centro abitato: forse molti non sanno che il consumo aumenta soprattutto in città. In ogni caso, considerate che fuori città in questi giorni si viaggia più lenti e qualcuno lo è anche troppo (50 all’ora in autostrada). Ricordatevene, prima di tamponarlo.

Altro problema, i rallentamenti e le incertezze vicino ai distributori:
– nei pochi ancora aperti, le code arrivano sulla strada e possono sorprendere i più distratti;
– in alcuni di quelli già chiusi, nemmeno il blocco dei tir ha sradicato il vizio solito di lasciare il  cartello di “aperto” sempre e comunque, per cui chi vi precede potrebbe rallentare, scartare e riaccelerare all’improvviso perché sta cercando rifornimento e per un attimo il cartello lo illude di averlo trovato.

  • Antonio Bertocci |

    Vi segnalo allora che Amsterdam si sta dotando di linee tramviarie merci che dovrebbero portare all’espulsione dal centro storico di alcune migliaia di camion e furgoni.
    E non è un centro minore… Oggi il controllo computerizzato della logistica può consentire di cambiare volto alal distribuzione merci. Senza che questo ci obblighi ad aprire il capitolo sacrifici.
    Bisogna però volerlo davvero…

    [Risponde Maurizio Caprino] Grazie per la preziosa segnalazione. Certo, bisogna volerlo davvero. Credo che l’esperienza di questi mesi con la CO2 (allarme scattato dieci anni fa e ignorato fino all’anno scorso) dimostri che per farlo volere davvero a tutti occorre un sistema di penalizzazioni economiche per chi resta inerte.

  • paolo |

    X antonio bertocci. In effetti hai ragione a dire che in italia siamo diventati pigri e nessuno vuole rinunciare alle comodità. Anch’io in vacanza a piran, slovenia, vicino a portorose ho visto uno sbarramento simile a quello che hai visto tu. Pero’ se in nome del risparmio energetico e del minore inquinamento dobbiamo fare qualche sacrificio e rinunciare a qualche comodità, dobbiamo farlo tutti. Esempio, perchè nessuno dice che gran parte dell’inquinamento proviene dai riscaldamenti e che lo stato dovrebbe negli enti pubblici , comprese le scuole, accendere il riscaldamento SOLO quando la temperatura scende sotto i 15 gradi. Con 16-17 gradi è vero che c’è un po’ di disagio, pero basta vestirsi un po’ di piu’ e non c’è problema, non venitemi a dire che i bambini poverini si ammalano con 17 gradi e le maestrine poverine sentono freddo alle loro delicate zampette.

    [risponde Maurizio Caprino] Sono d’accordo con tutti, ma voglio precisare che certi blocchi del centro storico temo siano possibili in modo così indolore solo in centri molto piccoli. Certo, in Italia non riusciamo a farli nemmeno lì…

  • Antonio Bertocci |

    SACROSANTO BORIS. Aggiungo: metà del calo del traffico (oggi in Milano i tempi di percorrenza sono meno che dimezzati!!) dipende da ciò che lui sottolinea, l’altra metà dal fatto che è assente la pletora di furgoni, camion, camioncini, tir che – di solito in sosta fino alla terza fila – rifornisce negozi e quant’altro.
    Perché l’Italia è ormai l’ultimo Paese d’Europa in cui gli approvvigionamenti avvengono con camion enormi anche in pieno centro e nelle ore di punta della giornata, con effetti disastrosi sul traffico.
    Per non tacere della miriade di artigiani che, per riparare un rubinetto o cambiare un fusibile, si sposta con un furgone (taglia minima il Ducato) e lo piazza dove capita perché (lui!) "sta lavorando".
    Esempio banale: nel paesino della Camargue da 1000 abitanti dove trascorro le ferie, il centro storico è dotato di cancelli, aperti dalle 7 alle 9.30 del mattino. Alle 9.31 arriva un vigile e chiude i lucchetti: negozi, alberghi e ristoranti lavorano benissimo lo stesso, per le emergenze c’è un telecomando riservato a lettighe, pompieri e polizia e non ho mai sentito un solo titolare di attività del centro storico lamentarsi di disagi dovuti al fatto che i mezzi non possano accedervi dopo le 9.30.
    Vogliamo immaginare che succederebbe in Italia?

  • boris |

    Non solo si va più piano: il traffico si è ridotto alla metà (stima a naso). Evidentemente un buon 50% di persone non ha bisogno dell’auto, e questo la dice lunga sulle tante chiacchiere sull’ "ineluttabile necessità" dell’automobile.

  • paolo |

    Paradossalmente si guida in modo piu’ aggressivo in centro abitato perche’ in centro abitato ci sono meno controlli, no- autovelox e no- pattuglie anti discoteca. Poi le tante e inutili rotonde che ci sono ora nei centri abitati creano l’effetto curva del casino del gp di montecarlo. Un mio amico le rotonde non le chiama rotonde, le chiama chicanes.

  Post Precedente
Post Successivo