Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Riforma pubblica amministrazione – L’Aci e le agenzie litigano sui conti

La fibrillazione aumenta di ora in ora, tra pubblica amministrazione e dintorni: domani il Governo dovrebbe varare la promessa riforma Madia e, temendo che per una volta si faccia sul serio, tutti corrono ai ripari. Non solo comuni impiegati che si chiedono dove verranno sbattuti con la mobilità di cui si parla, ma corrono anche voci su manager che corrono ad attribuirsi premi di risultato prima che la riforma li subordini alla crescita del Pil.

Tra le partite che riguardano più da vicino noi utenti della strada c’è l’annunciato accorpamento Pra-Motorizzazione. Sul Sole 24 Ore di martedì 3 giugno ho scritto le cose salienti del bilancio 2013 dell’Aci, chiuso non solo finalmente in utile, ma anche all’insegna di tagli di costo che appaiono finalmente strutturali e hanno portato a risparmi per 71 milioni. Solo che i risultati si fanno anche coi ricavi e qui torniamo ai problemi del passato: gli introiti sono aumentati solo perché il Governo Monti ha concesso nei suoi ultimi giorni un aumento delle tariffe Pra. In sostanza, l’Aci non riesce a fare business con i servizi ai soci (cosa che invece si fa all’estero) e così si finanzia prevalentemente con i servizi legati alla burocrazia dell’auto. Questo spiega l’importanza che per l’ente ha la partita della riforma Madia: se prevedesse davvero il distacco del Pra dall’Aci per accorparlo alla Motorizzazione, gli verrebbe a mancare il più importante polmone finanziario.

Emerge in particolare l’importanza dei rincari tariffari, che danno ossigeno alla gestione Pra annullando gli effetti della crisi del mercato dell’auto, che ha fatto diminuire il numero di pratiche. E sui rincari ci si spacca.

L’Aci fa notare che le tariffe erano ferme dal 1994, quindi era abbondantemente giunto il tempo di adeguarle. L’Unasca (la più importante associazione delle agenzie di pratiche auto) ritiene invece che proprio i 71 milioni di tagli nei costi dovrebbero bastare per tenere i conti in equilibrio, senza chiedere più soldi ai cittadini che devono avvalersi dei servizi Pra (UNASCA_bilancioaci_050614). L’Aci non ha ribattuto, ma si sa che più volte (anche nelle scorse settimane) ha accusato le agenzie di farsi pagare anche più di 100 euro per i loro servigi (anche se onestamente sono anni che non sento parlare di compensi del genere). L’Unasca a sua volta argomenta che ormai le agenzie svolgono spesso un lavoro di digitazione pratiche per la pubblica amministrazione: i collegamenti telematici con gli archivi di Motorizzazione e Pra fanno sì che per immatricolazioni e patenti (salvo casi particolari) i dati vengono digitati appunto dai privati, che dunque lavorano gratis anche per la pubblica amministrazione.

Insomma, una dimostrazione di quanto sia intricato un sistema costruito da decenni e per decenni su incrostazioni, lotte di potere e difesa di rendite, pubbliche e private. Non sarà facile, per Matteo Renzi e Marianna Madia, dipanare la matassa.

  • Clara |

    non dimentichiamo che i titolari delle agenzie intermediarie hanno conseguito un esame alla Provincia pagando i diritti e inviando la richiesta di iscrizione come bando di gara. Inoltre all’apertura hanno delle garanzie bancarie e una struttura da mantenere con determinati requisiti imposti e software di gestione. Pertanto data la celerità e i costi che ritenete FURTO, guardate il servizio. Paghiamo tanti di quei servizi pubblici non funzionali….credo che sia corretto pagare un servizio ben fatto.

  • sandro |

    Buongiorno Sig. Roberto concordo pienamente con Lei ( quindi come vede funzionari PRA e titolari di Agenzie, anche se Unasca) sulle cose concrete trovano il punto di incontro. Speriamo bene e autorizzo il Sig. Caprino a darLe i miei riferimenti per continuare una discussione che potrebbe rivelarsi sicuramente costruttiva. Buona giornata
    Sandro

  • Roberto D. |

    Buongiorno Sig. Sandro, sono disposto a scommettere che se veramente eliminassero davvero l’imposta di trascrizione , e come lei diceva unissero i CED Aci e Mctc (ora DTT) , saremmo invidiati nel mondo..ma tranquillo, non succederà…
    Saluti!

  • Alessandro |

    Buongiorno a tutti, si sta discutendo Pra Motorizzazione Aci agenzie pratiche auto private, ecc… costa tanto…costa poco… vorrei sottoporvi un semplice esempio: quanto costa la guarnizione al dettaglio di un rubinetto? € 0,30/0,50/1,00 ? e quanto ci costa montarla da soli se siamo capaci: €0,00 e se invece chiediamo l’ intervento di un libero professionista €25,00/35,00/ 50,00 ??? ora mi sembra logico che chiunque possa rivolgersi direttamente al Pra senza costi aggiuntivi se non quelli amministrativi di base, mentre rivolgendosi ad un professionista si paga un quid in più e magari risparmio tempo lungaggini e sono sicuro che il lavoro eseguito sarà a regola d’ arte. E’ il mercato a decidere, l’ importante è che il Cittadino possa liberamente Scegliere senza distorsioni della libera concorrenza.

  • Motorizzazione |

    B.g. Sig. Maurizio,
    se posso esserle utile per la prossima volta la invito a linkare su:
    https://www.ilportaledellautomobilista.it/web/portale-automobilista/
    potra’ scaricare la modulistica per le varie richieste in motorizzazione, potrà pagare on line i relativi versamenti e ottenere tutte le info su come fare per….
    Saluti.

  Post Precedente
Post Successivo