Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

I touch screen sono scomodi in auto. Ma sono tanto belli e i giornali scrivono (quasi) solo questo

Ci sono occasioni in cui noi giornalisti sembriamo avere proprio l'anello al naso: magnifichiamo trovate di design e marketing dei costruttori senza pensare alle loro possibili controindicazioni. Nemmeno se ci danno in uso le vetture e le proviamo per una settimana intera. Succede da anni e continua a succedere. Oggi, in particolare, va di moda magnificare i touch screen messi sulle plance, meglio ancora se stanno a rilievo, apparendo come tablet. Le ultime Mercedes sono un'accademia di belle arti, da questo punto di vista.

Poi, però, ogni tanto qualcuno tiene gli occhi aperti e scrive che sono anche scomodo se non addirittura pericolosi da utilizzare. Lo segnala meritoriamente Paoblog. Fa però un certo effetto che la rivista che ha tenuto gli occhi aperti sia la discutibile inglese Top Gear (a proposito della nuova Citroen C4 Picasso), col suo linguaggio da adolescenti mai cresciuti e la sua filosofia secondo cui anche su strada aperta puoi fare i 250 all'ora e altro…

  • Paoblog |

    Senza contare che è possibile memorizzare la posizione (e la funzione) dei pulsanti, ma non quello del touch screen…

  • ombrachecammina |

    nel traffico non posso permettermi distrarmi troppo a cercare i comandi e ad aspettare il “feedback” del sistema magari cercandolo. Le interefacce programmbili sono comode de ci “stai dietro”, ma dovrebbero essere piu’ affidabili. Per assurdo sono meglio quelel a pulsanti, perche danno almeno la certezza che la richeista c’e’ stata …
    [risponde Maurizio Caprino] Parole sante.

  • Luigi |

    Questi atti di bullismo dei vigili urbano andrebbero denunciati con un bel post, che ne dice?
    http://www.blitzquotidiano.it/opinioni/nicotri-opinioni/milano-pedone-multato-passava-col-rosso-1838922/
    [risponde Maurizio Caprino] Bisognerebbe vedere come si sono svolti i fatti e in particolare se i vigili hanno avuto la possibilità materiale di annotare la targa della moto che sfrecciava. Se avessero potuto, avrebbero omesso di fare un verbale per velocità pericolosa (articolo 141 del Codice della strada), che è punita molto meno dell’eccesso di velocità (articolo 142) ma non richiede apparecchiature.

  Post Precedente
Post Successivo