Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Conviene andare a Gpl? Dipende anche da quanto costa nella vostra zona

Andare a Gpl conviene o no? Una domanda che mi sento porre sempre più frequentemente. E via con le risposte del tipo "dipende dal chilometraggio", "occorre essere sicuri di potersi facilmente rifornire di gas" e "bisogna anche considerare l'aggravio di spesa per la manutenzione". Ma c'è un fronte ulteriore da tenere in debito conto: i prezzi del Gpl nella propria zona: come fa notare oggi Paoblog, ci può essere uno scarto notevole tra un'area e un'altra.

Certo, gli scarti ci sono anche su benzina e gasolio. E sono legati anche al singolo impianto: ormai si trovano prezzi molto allettanti anche in zone dove la media è piuttosto alta. Solo che col gas gli impianti sono di meno e quindi non è così facile trovare sconti. Può comunque aiutare molto questa app: http://assogasliquidi.federchimica.it/areastampa/tuttelenews/30-05-13/UNA_APP_PER_IL_GPL.aspx.

Dunque, attenzione. Anche perché poi di solito gli utenti del Gpl, pur molto sensibili al prezzo, si accorgono poco di questo. Notano soprattutto i rincari periodicamente si vedono. E invece di quelli c'è da preoccuparsi un po' meno: sono dovuti a dinamiche transitorie, che poi sono destinate a "rientrare" dopo un po'.

  • Ernesto |

    Sicuramente nel momento in cui tutti useremo il metano il prezzo salirà come quello del gasolio, ma allo stato attuale delle cose, un chilo di Metano costa circa 0,98 euro contro l’1,57€ della benzina.
    Ci sono analisi valutative riguardo al risparmio effettivo annuale?
    io ho trovato questa pagina che riporta dei risultati http://www.azzolinagpl.it/quanto-risparmio-con-un-impianto-gpl/, qualcuno potrebbe darmi dei riscontri?
    Saluti, Ernesto

  • flori2 |

    @Michele de Luca
    Oggi è cosi, ma se tutti cominciano ad usare il metano il prezzo salirà come con il gasolio e la convenienza diminuerà. Questo intendo a regime.

  • Michele De Luca |

    @fiori2
    L’affermazione è, a mio avviso, errata. Con i prezzi della benzina a circa 1,70 Euro/litro, andando a metano e con un prezzo di 1 Euro/kg, ciò significa che andare a metano è come rifornirsi di benzina a 0,67 Euro/LBE (litro benzina equivalente). Con riguardo al gasolio (ca. 1,60 €/litro) sarebbe di circa 0,77 Euro/LDE (litro gasolio equivalente) e di 0,5 Euro/LGE (litro gpl equivalente). Questi i numeri.
    Il sovrapprezzo in più per un’auto a metano si ammortizza ovviamente a seconda del n. di km fatti, poi è tutto risparmio.
    Difficile quindi, almeno per il metano, affermare: “sborsare sempre gli stessi soldi.”

  • flori2 |

    Storia vecchia e gia vista con le auto a gasolio. A poco a poco la differenza con la benzina è sparita. Stesso destino per GPL, metano ed elettrico (si con illudetevi). Alla fine, a regime, bisogna sborsare sempre gli stessi soldi.

  • Michele De Luca |

    Il problema esiste e ogni aumento anche piccolo incide in quanto il gpl ha un contenuto energetico minore, quindi si consuma di più.
    Il dato che pochi prendono in considerazione è questa breve tabella di comparazione:
    – 1 kg di metano equivale ad un 1,5 l. di benzina super 95
    – 1 kg di metano equivale ad 1,3 l. di gasolio
    – 1 kg di metano equivale a 2 litri di gpl
    Quindi i calcoli sui prezzi effettivi dei carburanti in base al contenuto energetico sono ben differenti rispetto alle attuali tabelle dei prezzi, che tuttora inducono molti a ritenere il gpl il più economico dei carburanti.
    Il programma “Markt” dell’emittente pubblica WDR, parlando di auto a metano nella trasmissione del 1.7.2013, ha fatto vedere quali differenze macroscopiche dei prezzi ci sarebbero, a favore del metano, se i prezzi fossero calcolati come sopra detto. Qui lo scatto del totem prezzi come lo si vede anche da noi: http://imageshack.com/a/img541/2529/l1jb.jpg Qui invece l’elaborazione dei prezzi in base al contenuto energetico: http://imageshack.com/a/img34/5059/9qyz.jpg (Autogas = Gpl; Erdgas = Metano). Perché non si arriva ad una simile indicazione? La trasmissione arriva alla conclusione che sono le società petrolifere a non volerlo.
    Di qui anche la richiesta della DENA (Deutsche Energie-Agentur) di avere i totem ai distributori con prezzi riferiti al contenuto energetico o con riferimento ad un carburante rispetto agli altri (di solito la benzina super 95) oppure in kW/h.

  Post Precedente
Post Successivo