Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Obbligo di cambiare tutti i vecchi guard-rail? Bene, ma montare i nuovi sarà un problema

Sul Sole 24 Ore di oggi anticipo la notizia che, dopo la sciagura di Acqualonga e due mesi d'inerzia, il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, si è convinto che le regole attuali sui guard-rail vanno riscritte. Le nuove regole potrebbero imporre ciò che i gestori di strade non hanno ancora fatto spontaneamente nei vent'anni in cui sono state in vigore le vecchie. E cioè sostituire tutte le barriere concepite prima che le vecchie regole fissassero i requisiti dei crash test da superare per ottenere l'omologazione.

Ma un’eventuale campagna di sostituzione aprirebbe ulteriori problemi. Le barriere attuali sono molto più efficaci, ma anche ma molto più pesanti e ingombranti. Ciò impone – su ponti e viadotti – di rinforzare o rifare i cordoli di cemento su cui le barriere poggiano. Inoltre, spesso non ci sono spazi: si dovrebbero allargare i viadotti (operazione al limite dell’impossibile e comunque costosissima) o di installare speciali piastre, a mo’ di "prolunga".

Le caratteristiche delle strade amplificano anche il problema del corretto montaggio, affrontato dal Regolamento di attuazione del Codice dei contratti pubblici (Dpr 207/2010): l’articolo 79, comma 17 prescrive che, quando s’installa una barriera, per superare il collaudo occorre anche un certificato di corretto montaggio. Quest’obbligo è stato impugnato da quasi tutti i principali costruttori di opere pubbliche italiani, ma lo scorso aprile il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso, ritenendo che la norma sia ragionevole e fondata su necessità effettive. Ora non resta che applicarla.