Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Addio autostrada: l’italiano in vacanza, se può, evita il pedaggio

Finora era solo un sospetto, ma riscontri ce n'erano pochini perché le fonti ufficiali non parlano molto dei volumi di traffico sulla viabilità ordinaria. Ma oggi, alla presentazione dei dati conclusivi sugli esodi di questa estate (Download NumeriAnasEsodo , Download Bilancio Anas esodo 2013), l'Anas lo ha detto: la gente, dove si può, evita l'autostrada, perché con la crisi cerca di risparmiarsi il pedaggio. Ma attenzione: l'Italia non è tutta uguale.

Così l'Anas cita come esempio di aumento di traffico sulle statali il Sud e in particolare la Puglia. Ciò non pare casuale. Non perché qui ci sia più voglia di risparmiare che altrove, ma perché ci sono strade statali ben più scorrevoli che al Nord. Grazie anche a un minore sviluppo, che ha relativamente limitato sia il traffico dei veicoli sia l'occupazione del territorio con case e insediamenti produttivi. In Puglia si aggiunge il fatto che quasi tutto il tracciato dell'autostrada a14 è affiancato da superstrade a doppia carreggiata, certo più trafficate e in condizioni mediamente peggiori, ma gratuite e…senza Tutor.

Questo contribuisce anche a spiegare una diatriba tra alcuni di voi sul cruise control: c'è chi lo usa anche in statale e chi solo in autostrada. Oltre alle preferenze e alle caratteristiche personali, gioca il fatto che una statale pugliese è mediamente ben diversa da una veneta (che spesso ha caratteristiche di strada urbana).

  • gennaro |

    Il maggiore traffico sulle statali aumenterà il numero di incidenti, morti e feriti.
    Nei numeri, statali e provinciali mostrano in alcuni casi anche un aumento degli incidenti rispetto al 2001; benché si parli di generale riduzione del fenomeno. Dall’altra parte su alcune extraurbane fino all’80% degli incidenti si verifica sul 20% della lunghezza. Quindi un approccio razionale al problema, basato su un criterio di priorità, potrebbe essere quello di migliorare i tratti critici. Probabilmente pari a circa il 40% della rete extraurbana.

  Post Precedente
Post Successivo