Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

I multati dal T-Red in Piemonte fanno ricorso e perdono pure sulle spese processuali

In Italia, quando si finisce in tribunale, si fa una corsa
sulla distanza: i tempi lenti della giustizia italiana sono noti in tutto il
mondo. E alla fine le sorprese non mancano.
L'ultimo esempio viene dal Piemonte occidentale, dove centinaia di persone multate ai semafori più famigerati della
zona (Gaglianico e Salussola) avevano presentato ricorso e sembravano avviate
verso vittorie sicure, ma ora rischiano di rimetterci migliaia di euro per una
multa di appena 150 (circa: dipende dall'anno in cui è stata commessa l'infrazione): oltre alla sanzione raddoppiata rispetto a questo che è il minimo, c'è la condanna al pagamento delle (ingenti) spese processuali.

Perché?

I Comuni hanno resistito alle tante sconfitte in primo grado portando i multati
in appello, dove hanno avuto la fortuna di trovare giudici di orientamento
diverso. Ciò è dovuto anche al fatto che intorno a queste vicende l'aria pare
molto cambiata: la parte penale (quella sulla presunta manomissione di semafori
e apparecchi di rilevazione e sulle irregolarità negli appalti e nella gestione
dei sistemi) sta vedendo in prevalenza assoluzioni o addirittura
proscioglimenti.

C'è che dice che ci sono state pesanti interferenze romane e chi invece pensa che così giustizia sia fatta.

Nessuno saprà mai chi abbia ragione, anche perché le casistiche emerse sono variegate. Però una cosa è chiara: la questione delle multe automatiche ai semafori è nata male e probabilmente è stata gestita peggio. Sono stati troppi i Comuni che non si sono degnati di spiegare nemmeno come hanno scelto gli incroci da sorvegliare in automatico.



  • 59raf |

    Vuol dire che potranno andare in Cassazione per queste multe? …se e’ cosi’, che tristezza……

  • giancar |

    Quei multati del Piemonte devono senza dubbio ringraziare i comitati dei contravventori e le associazioni dei consumatori che li avevano convinti a fare ricorso dicendo che le multe fatte con il T-RED erano tutte illegali e che i controllori (polizie locali) erano tutti criminali.
    Forza contravventori ! Rivolgetevi al lorsignori.

  Post Precedente
Post Successivo