Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Extracomunitari e turisti con la crisi: tanti pullmini a noleggio, tante tragedie in agguato

Prima l'arrivo degli extracomunitari, adesso la crisi. Il risultato è che si vedono girare sempre più pullmini noleggiati da gruppi di persone, che si uniscono per dividere le spese di viaggio. Mezzi anche piuttosto veloci, ma già pesantucci per poter essere frenati bene alle velocità che raggiungono. Soprattutto se trainano un rimorchio per i bagagli, come avviene per quelli che periodicamente fanno la spola con l'Est Europa, tenendo unite le famiglie di chi da quei Paesi è venuto in Italia a lavorare. E su quei mezzi le cinture – pur essendo regolarmente montate e segnalate da avvisi a bordo - vengono costantemente ignorate (non solo dai passeggeri).

Normalmente i non pochi sinistri causati da questi mezzi preoccupano solo quando sono immatricolati all'estero: i conducenti diventano irreperibili, le assicurazioni coprono poco e i danneggiati possono solo ringraziare se il danno è solo economico. Ma basta che scoppi una gomma per far morire qualcuno. Lunedì scorso è successo sull'Autosole vicino Napoli (Scarica Comunicato incidente mortale barriera napoli nord). Non a caso, i due morti sono stati sbalzati, perché evidentemente con allacciavano le cinture.

Non consolatevi al pensiero che leggendo la notizia si potrebbe pensare che le vittime fossero poveri immigrati con poca cultura.

Infatti, le cinture restano illustri sconosciute anche sui bei pullmini pubblici che circolano a Milano. Di giorno vengono utilizzati come scuolabus e di notte come taxi a chiamata o di quartiere (Radiobus). La clientela è variegata e ne faccio parte anch'io. Ma la costante è che le cinture non le allaccia nessuno. E io, per difendermi, vado a prendere posto in ultima fila: in caso d'urto frontale, non mi arriverebbero addosso gli altri passeggeri e il loro bagaglio.

  • cinico |

    Quello delle cinture è IL problema del trasporto collettivo. Su un autobus urbano le ha mai allacciate? No, non ci sono. Su quelli extraurbani più recenti almeno ci sono, nessuno le allaccia, nessun cicalino segnala all’autista che ha passeggeri non allacciati. Sugli urbani poi si viaggia addirittura in piedi, non in Inghilterra, però. E degli scuolabus ne parliamo? Il bambino che va a scuola con la macchina di mamma o papà ci va seggiolinato o allacciato, il figlio di nessuno che va in scuolabus no, e poi dovremmo promuovere il trasporto collettivo.

  Post Precedente
Post Successivo