Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Crash test da rifare. Ma solo dal 2015

Anche l'impegno nella sicurezza stradale si adegua alla crisi: dopo il rallentamento della Ue nell'imporre di seri e dispositivi di sicurezza per non gravare sui costi dei veicoli, anche Euroncap fa slittare al 2015 le novità più importanti che aveva in programma per rendere sempre più severi i propri criteri di valutazione dei nuovi modelli di auto. D'altra parte, c'è anche un problema di tempi: contrariamente agli ultimi anni, i prossimi inasprimenti dei requisiti riguarderanno anche la resistenza agli urti.

Infatti, bisognerà superare anche nuovi tipi di test e considerare anche la protezione di bambini più grandi: oggi si fanno prove solo con manichini che simulano piccoli di 18 mesi e tre anni, dal 2015 si aggiungeranno anche quelli rappresentativi dei sei e dei 10 anni. Tutte cose che richiedono fior di studi: di solito, chi prende le cinque stelle ci riesce solo perché progetta l'auto esattamente in funzione dei crash test cui andrà incontro, perché basta cambiare la prova di poco e i risultati variano di conseguenza. E non di poco.

In ogni caso, diventano più severi anche i requisiti sulle dotazioni dei veicoli.

Tutti adeguamenti necessari all'evoluzione del mondo. Ma, quando si susseguono così rapidamente (e "meno male" che sono stati rallentati dalla crisi), rendono impossibili i confronti con modelli progettati anche solo un anno prima.

  • cinico |

    Primi segni che la crisi economica confligge in pieno con la linea di sviluppo tecnico-normativo costruito negli ultimi due decenni e che pretendeva ora di proiettarsi almeno nei prossimi 20 anni accrescendo ulteriormente costi ingombri e complessità dei veicoli.
    Ora si ferma la macchina ma se l’economia non riparte di corsa o non si trova qualche colpo di genio su inquinamento oltre che sicurezza si dovrà fare macchina indietro, voglio vedere come lo giustificheranno sui media.

  Post Precedente
Post Successivo