Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il superbollo diminuirà con l’età dell’auto (e della barca). Bentornata, equità!

Dunque, l'equità è tornata nella manovra Monti, per quel che ci riguarda: il superbollo su auto potenti (e barche, visto che ne avevamo parlato giusto ieri) sarà di nuovo commisurato all'età. E quindi, indirettamente, al valore (salvo l'eccezione dei pochi modelli più ricercati dai collezionisti).

Per le auto, l'addizionale è ridotta dopo cinque, dieci e quindici anni dalla data di costruzione del veicolo, rispettivamente, al 60, al 30 e al 15 per cento e non è più dovuta decorsi venti anni dalla data di costruzione.

Per le barche, è ridotta dopo cinque, dieci e quindici anni dalla data di costruzione dell'unità da diporto, rispettivamente, del 15, del 30 e del 45 per cento.

Altre modifiche, sempre all'insegna della ragionevolezza, riguardano per esempio l'esenzione delle barche in prova e l'a tassazione anche degli aerei immatricolati all'estero se restano in Italia più di 48 ore.


Dunque, per una volta, protestare – come abbiamo fatto anche noi nei giorni scorsi –  è servito. Non ce ne vogliano i fumatori: per recuperare il gettito perso con queste correzioni, è stato previsto che aumenterà la tassazione sul tabacco da fumo.

Ora forse qualcuno si lamenterà perché le auto generalmente più sono vecchie e più inquinano (non a caso il bollo normale aumenta con l'età), ma parliamo di pochi esemplari che stanno fermi per la maggior parte del tempo: con i consumi elevati che hanno, ci pensa l'elevata tassazione sulla benzina (assieme ai costi di manutenzione) a dissuadere i loro proprietari dal farne un uso quotidiano. Non a caso, anche il bollo prevede agevolazioni anche per le normali auto con oltre 20 anni, che di solito sono appunto poco utilizzate.

In ogni caso, attenzione: il decreto legge sulla manovra (Dl 201/11) non è stato ancora convertito in legge e fino ad allora sono possibili ulteriori modifiche prima di arrivare al testo definitivo.

  • Mario |

    Buongiorno,volevo sapere se il superbollo è dato dai 185kw o da 186Kw…grazie
    [risponde Maurizio Caprino] Dai 186 in su. Infatti il calcolo dell’importo dovuto va fatto su ogni kW eccedente i 185.

  • Angelo |

    Scusi sig. Caprino, vorrei rivolgerle una domanda.
    Purtroppo hanno vinto Loro, sto svendendo la mia vettura ad un commerciante che la porterà all’estero, devo radiarla dal pra. La radieró la prox settimana. Ora il bollo della mia vettura scadrà il 30/04/12(io la radio prima), ho già pagato il superbollo tremonti a tempo debito…non è che oltre al danno la beffa, questi signori esigeranno da me anche il loro duperbollo perchè ho radiato ad aprile 2012 e non nel 2011. Ringrazio anticipatamente. Angelo
    [risponde Maurizio Caprino] Nel bollo auto, il periodo d’imposta 2012, per chi ha il bollo con scadenza aprile, inizia il 1° maggio. Quindi nulla dovrebbe essere dovuto per il 2012, se è vero che l’agenzia delle Entrate ha scritto che il superbollo mutua sostanzialmente le regole del bollo.

  • Mario |

    Buongirono…non mi è chiaro una cosa di questo superbollo….se uno ha un’Alfa Romeo 8C registrata al registro RIAR (registro storico Alfa) non paga il bollo in Lombardia…ma il superbollo, in Lombardia, lo paga o no? è lo stesso caso di una vettura monovalente con 300cv trasformata in lombardia…grazie
    [risponde Maurizio Caprino] Valgono solo le esenzioni stabilite a livello nazionale per il bollo normale. Ulteriori esenzioni locali non vengono prese in considerazione, in quanto l’addizionale ha natura erariale (cioè va allo Stato e qundi segue le regole statali).

  • Angelo |

    Scusi se la disturbo sig. Caprino, ma non è possibile e non mi spiego come nessuno faccia nulla, e quei dementi al governo non se ne rendano conto, che lei sappia non c’è nessuno, il presidente dell’aci o dell’unrae(tutti e due da poco nominati) che stia facendo qualcosa per questa pazzia? Ora, la mia vettura a breve dovrà pagare 5168 euro tra bollo e superbollo invece di 1330, pur essendo “vecchia” di 5 anni e, fino a poco fa, del valore di 40.000 euro. Allo stato attuale è privatamente invendibile ovviamente. Un commerciante puó pagare si e no 20.000 euro(il che significa continuare a pagare il finanziamento fatto per avere la vettura per un bel pó di tempo senza averla in garage avendo buttato via i soldi, e un concessionario o non la ritira o la ritira per vetture dai costi di un appartamento o per vetture di pari potenza. Ora questa tassa non solo è sproporzionata, ma è troppo costosa in assoluto. Secondo lei cosa dovrei fare tra le varie opzioni legali possibili? Contovendita, radiazione, targa doganale? Grazie
    P.S.
    Non esiste nessuna legge che vieta l’aumento improvviso di una tassa del 300% ?
    A lei questa tassa non sembra un’estorsione?
    [risponde Maurizio Caprino] Purtroppo non c’è nulla da fare dal punto di vista giuridico e nemmeno da quello politico (le persone colpite sono poche). Non posso consigliare come eludere la tassa, sia per ragioni etiche sia perché comunque – come ho spiegato nel libro andato in edicola oggi – si rischia comunque di essere “beccati”.

  • Angelo |

    ….purtroppo vi posso confermare che la stceurope è in grado di fornirvi indicazioni in tempi rapidi e via e-mail in merito alla data di costruzione della vettura, dico purtroppo perchè nel mio caso per soli 23 giorni non posso usufruire della decurtazione per età se il decreto non viene modificato….personalmente non mi resta che sperare in qualche persona sana di mente che ha il potere di mettere fine o per lo meno di ridurre questa pazzia….in attesa di eventuali novità porgo distinti saluti….

  Post Precedente
Post Successivo