Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Indovina chi muore stasera? La ragazza del sedile dietro, ovviamente. Perché le cinture posteriori non le mette nessuno

Un incidente come tanti, quello che la notte scorsa è costato la vita a una ventenne sulla Tangenziale di Napoli. Così la ragazza è diventata la 95esima vittima della strada di quest'anno nella provincia. Ma voglio parlarvene, perché ancora una volta la vittima sedeva sul sedile posteriore ed era in auto con due amici che sedevano davanti e sono sopravvissuti. A smentire il luogo comune secondo cui i posti più pericolosi sono quelli anteriori. O, più probabilmente, a confermarlo…


Nel senso che chi siede davanti si allaccia la cintura e così si protegge di più rispetto a chi dietro si sente al sicuro e viaggia "libero". Non è una semplice supposizione: lo dimostra il fatto che anche questa ragazza è stata sbalzata fuori dell'abitacolo e si è schiantata sull'asfalto. Perché condannarsi a una fine così orrenda, quando la si può evitare con un semplice clic? Abbiamo perso in questo modo tante ragazze: i maschi di solito guidano, loro sono passeggere e spesso siedono dietro. Magari sono ragazze cui i genitori hanno insegnato a proteggersi dalle altre insidie che la vita riserva a quell'età. Ma la cosa più semplice, cioè la cintura, quella no. Nonostante questo, siamo pronti a indignarci per le campagne anti-Aids che non menzionano il preservativo, ma il silenzio sulle cinture posteriori (rotto solo da poco da un'episodica campagna ministeriale) non lo nota nessuno.

Evidenzio la notizia anche perché la Tangenziale di Napoli è uno dei tratti su cui c'è il Tutor, che ha "fatto miracoli" dimezzando le vittime. Ma non bisogna sbandierarlo troppo forte, perché poi la gente si sente in una botte di ferro e si perdono vite inutilmente. Come la scorsa notte, appunto.

Clic.

  • sandro |

    Perfettamente d’accordo con Goldwing, anhe io ho due ragazze I° superiore e seconda media e appena antrano in auto allacciano le cinture. Le loro compagne pensano che sono delle marziane. Non mi stanco mai di ripeterlo a chi viaggi con loro, ma purtroppo è una battaglia già persa in partenza . Cordiali Saluti Snadro PEtrecca

  • GoldWing98 |

    Vero. E non ci si deve mai stancare di ripeterlo. Mai, a tutti i livelli.
    Da noi genitori alle istituzioni.
    Qualche settimana fa sono passato a prenderle mia figlia da scuola (1° superiore); eccezionalmente in auto (normalmente sono in moto) perchè dovevo prendere anche una sua compagna di classe.
    Appena sedute (entrambe dietro), come al solito controllo che si allaccino; mia figlia lo fa (ormai l’ho abituata, con le buone o con le cattive), l’amica no. Io non parto. L’amica chiede cosa succede; si vede che proprio non è abituata ad allacciarsi. Le dico: “la cintura”. Mia figlia glielo spiega e lei la allaccia.
    E’ successo di nuovo, dopo una settimana; stessa scena, stessa esitazione della ragazza; ma i genitori non le hanno insegnato nulla?

  Post Precedente
Post Successivo