Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Auto d’importazione? Favorisca anche la carta di circolazione estera, altrimenti multa

Certo, l'auto era nata con targa tedesca. Ma dal 2008 quella Mercedes Classe A (acquistata probabilmente d'importazione parallela) aveva regolare targa italiana, con tanto di carta di circolazione che (come sempre in questi casi) menziona la precedente immatricolazione estera. Eppure l'altro giorno la Polizia municipale di Prato ha chiesto al guidatore anche il libretto originale tedesco. E, visto che il documento non c'era (ovvio: va lasciato alla Motorizzazione quando si nazionalizza il veicolo), lo hanno multato. Un'inezia: 39 euro, a confermare che la vicenda appare più comica che altro. Ma il verbale contiene l'invito di prammatica a esibire il documento mancante, un invito giustificato dalla natura della violazione ma impossibile da rispettare data la situazione.

La questione si risolverà in una bolla di sapone: appena il verbale finirà sulla scrivania di un responsabile della Polizia municipale, partirà una lettera al prefetto con la richiesta di annullamento in autotutela (all'insegna del principio "abbiamo sbagliato, fermiamo tutto prima di far danni al cittadino e a noi stessi, soprattutto se poi lui ci fa causa"). Ma un paio di cose vanno sottolineate.


Quel verbale è davvero troppo "creativo": accerta una violazione dell'articolo 180 del Codice della strada, che elenca tassativamente i documenti da tenere a bordo, tra cui ovviamente non può esserci la carta di circolazione originaria quando ce n'è un'altra regolarmente valida al momento del controllo. L'articolo 180 si sarebbe potuto usare solo per invitare il cittadino a fornire le informazioni o i documenti obbligatori o che comunque l'autorità di polizia ritiene necessari per la sua attività di accertamento di violazioni amministrative al Codice della strada. Se poi il cittadino non avesse ottemperato entro il termine stabilito dagli agenti, sarebbe scattata una sanzione ben più pesante, prevista dallo stesso articolo 180: 398 euro.

Ma per quale motivo gli agenti hanno ritenuto necessaria la carta di circolazione tedesca? Evidentemente per controllare la data completa di prima immatricolazione e risalire così al termine entro cui il veicolo andava sottoposto a revisione (essendo un'auto entrata in circolazione nel 2007, il dubbio ci sta tutto). Ma a tutto questo pensa già la Motorizzazione, che, tra le tante note del riquadro 3 della carta, mette anche quella col mese entro cui il mezzo va revisionato. Accade – vado a memoria – dal 1999 o comunque da quegli anni. Ma questo i vigili non lo sapevano…

  • giacomo |

    buona sera Caprino, sono proprietario di una fiat punto che presenta il solito problema del disinserimento del servosterzo elettrico iniziato dopo la scadenza della garanzia. Il problema so che si verifica abbastanza spesso, che lei sappia, non c’è stato nessun interessamento da parte della fiat?. Grazie per l’attenzione.
    [risponde Maurizio Caprino] Non c’è stato alcun richiamo ufficiale. Come di consueto, discrezionalmente in taluni casi è stata applicata la correntezza commerciale.

  • sandro |

    Buona sera, come ben sappiamo noi quasi addetti ai lavori, i problemi dell’importazione sono ben altri, e sappiamo a cosa ci riferiamo, F24, MARGINE, CONTRATTI DI ACQUISTO, a quando una approfondita diatriba? Cordiali Saluti Sandro Petrecca

  • Domenico |

    Beh allora e’ un problema di oculista. La cc riporta proprio in quella pagina le righe descrittive, e in genere le caratteristiche tecniche: pneum. in alt.; consumi; eventuali collaudi o revisioni, prescr. Tecniche tra cui obbligo di revisione. E’ una pagina tecnico descrittiva.

  • Domenico |

    B.g. Sig. Caprino, anche questa volta ha dimostrato conoscenza sullo specifico argomento (da buon addetto ai lavori). Nel confermare cio’ che ha affermato, posso solo ipotizzare che nelle righe descrittive per l’ inserimento della carta di circ. Sia stata omessa la forma asteriscata relativa alla I imm.ne o la data da sottoporre i veicolo a revisione. Non si può oggettivamente pretendere che chi opera su strada abbia la finezza tale da ricondurre la casistica specifica a quelle di routine. diOvviamente il cittadino chiede professionalità, allo scopo di non incorrere in queste seccanti problematiche. Ma la questione e’ il grado di preparazione/professionalità/conoscenza di chi opera su strada e degli strumenti a sua disposizione.
    [risponde Maurizio Caprino] No, io la carta di circolazione l’ho vista di persona (non la pubblico per motivi di riservatezza) e garantisco che il riferimento alla data di revisione italiana c’era.

  • flori2 |

    Siamo sicuri che siamo discendenti di quelli che hanno creato il diritto romano?

  Post Precedente
Post Successivo