Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Airbag e paraschiena per moto: ora sapremo quanto ci costa non metterli

Nella guerra europea sui futuri requisiti di sicurezza e antinquinamento delle moto, si sta combattendo su tutti i fronti tranne che su quello dei dispositivi di protezione dei motociclisti. Insomma, continueremo ad avere solo l'obbligo del casco, mentre dispositivi come airbag e paraschiena integrati nell'abbigliamento, pur efficaci, resteranno confinati al nostro personale scrupolo di utenti della strada che tengono a se stessi e a non gravare sulle disastrate casse dell'assistenza pubblica (anche se in Germania qualcuno ha iniziato a tagliare i risarcimenti per chi non si protegge anche oltre ciò che è strettamente obbligatorio). Forse uno stimolo in più (necessario anche per avere la forza di trovare questi prodotti, che sono pochi e poco reperibili) verrà dal lavoro che sta facendo la Polizia stradale. Che, vincendo la storica inerzia delle istituzioni italiane verso tutto ciò che non è obbligatorio per legge, ha deciso di partecipare a un importante studio sugli incidenti ai motociclisti per capire quante vite e invalidità si risparmierebbero se si usassero in modo esteso i dispositivi di protezione più avanzati (Scarica Polstrada PROGETTO STEP Comunicato Stampa ok).


L'iniziativa è stata annunciata ieri all'Eicma di Milano (dove la Stradale ha programmato tutta una serie di attività Scarica Polstrada – EICMA) ed è importante: quante volte abbiamo scritto che mancano studi per verificare tutta una serie di ipotesi che facciamo su sicurezza e insicurezza? Quante volte abbiamo lamentato che le vere cause degli incidenti restano nascoste perché solo su pochi (i più gravi) s'indaga, mentre negli altri casi ci si ferma ai "rilievi di rito" e poi via, perché non c'è tempo e non si può bloccare a lungo il traffico?

  • maurizio |

    personalmente utilizzo un airbag (questo http://www.helite.it/dettaglio.asp?articolo=30 ) poco bello ma molto protettivo/sicuro (in tutti i sensi … ) … ma la maggior parte dei motociclisti passa più tempo a prendermi in giro che a valutarne un possibile acquisto … detto questo detto tutto!

  • IlPrincipeBrutto |

    >>mentre dispositivi come airbag e paraschiena integrati nell’abbigliamento, pur efficaci, resteranno confinati al nostro personale scrupolo di utenti della strada che tengono a se stessi e a non gravare sulle disastrate casse dell’assistenza pubblica
    .
    .
    Giusto per fare un esempio, anche le persone molto grasse oppure obese pesano sulle casse dell’assistenza pubblica; eppure non mi pare ci sia nessuna proposta per un monitoraggio a tappeto della popolazione, seguito dall’obbligo di iscrizione in palestra per chi ha un indice di massa corporea superiore ad una certa soglia.
    .
    Se si vogliono introdurre degli obblighi per alcune categorie di persone con la giustificazione che i loro comportamenti gravano sulle casse pubbliche, allora il principio deve valere per tutte le persone e tutti i comportamenti, non solo per le categorie che costituiscono bersagli facili.
    .
    Allo stesso tempo, e’ chiaro che l’introduzione del principio di cui sopra porterebbe in breve a scenari molto poco simpatici, nei quali parecchie attivita’ ludiche potrebbero essere vietate nel nome del benessere delle casse pubbliche.
    .
    sicuri si diventa, Ride Safe

  • GoldWing98 |

    I dispositivi di protezione dei motociclisti servono a poco se, integrati nell’abbigliamento, quasi tutte le aziende produttrici continuano a non dare nessuna garanzia.
    Mi spiego: i dispositivi in sè, normalmente, sono omologati (anche se a volte a condizioni ridicole: ho letto una volta “garantito a temperature tra 15° e 25°”!), ma non è omologato l’abbigliamento che li contiene. Quindi in pratica abbiamo p.e. una giacca non omologata che contiene protezioni omologate (come un paraschiena). In caso di caduta, quindi, non essendoci alcuna garanzia sulla tenuta della giacca (in particolare delle cuciture) la protezione può tranquillamente spostarsi; quindi la protezione potrà uscire dalla sua sede: è facile immaginare che una protezione per la schiena che finisce sotto il sedere serve a poco!
    Lo stesso discorso per protezioni ai gomiti e spalle.

  Post Precedente
Post Successivo