Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sosta in doppia fila a tempo determinato “contro” le multe a strascico: la trovata dei commercianti

Evviva la sincerità! Le polemiche che in questi giorni a Bari stanno accompagnando la prossima attivazione dello Street control per multare in automatico chi parcheggia in doppia fila sono assurde, ma un pregio ce l'hanno: svelare come ragiona la gente. In pratica, i commercianti hanno capito che queste sanzioni a tappeto possono funzionare più di anni di lavoro di vigili e ausiliari del traffico nel contrastare la sosta vietata, che i negozianti del centro hanno sempre ritenuto essere la vera anima del loro commercio. Di qui un'invocazione alla tolleranza più accorata che in passato (nonché parzialmente giustificata dal fatto che stanno per completare – dopo troppi anni – un discusso parcheggio in centro, che potrebbe alleggerire la situazione).

A parte la stucchevole diatriba tra il sindaco e un assessore seguita a questa invocazione e il pepe aggiunto dalle multe finalmente comminate a politici avvezzi al parcheggio selvaggio in centro anche più dei cittadini selvaggi, la cosa su cui ragionare mi sembra stia nel discorso dei commercianti.


Stando alle cronache cittadine, secondo loro il comportamento di chi si ferma in doppia fila per fare un acquisto o un servizio al volo è ben diverso da chi fa la stessa cosa per più tempo. Un'ottima rappresentazione del comune sentire della gente. Peccato che, ai fini della fluidità della circolazione, non cambi assolutamente nulla: se io finisco la mia commissione in due minuti, ci sei subito tu a prendere il mio "posto" in doppia fila e il traffico ne soffre lo stesso. D'altra parte, se così non fosse, nessun codice della strada al mondo vieterebbe la doppia fila.

  • marco |

    Vero ed anzi sacrosanto, ma in realtà questo rivela un’altra cosa: dove se e’ vietato non si parcheggia più davvero, il commercio progressivamente sparisce a vantaggio dei centri commerciali in periferia, salvo solo poche grandi firme, ed alla fine l’uso effettivo dell’auto aumenta anziché diminuire.
    Non dico ovviamente di non multare, ma bisognerebbe inventarsi qualcosa, p. es. delle navette che aiutino a recarsi dove inevitabilmente si trasferisce in particolare il commercio più economico.
    [risponde Maurizio Caprino] Beh, Bari ha meritoriamente istituito da qualche anno (dopo decenni di immobilismo delle Giunte precedenti) il “park & ride”: autobus che partono da cinque parcheggi periferici o semiperiferici e, inizialmente al costo di un euro compresa la sosta dell’auto, portano in centro tutta la famiglia. E’ stato un boom. Ma, finché non ci sarà pure una rete di metropolitane, le vecchie abitudini non moriranno.
    E i commercianti? Invece di finanziare i servizi-navetta, si sono organizzati per aprire una struttura commerciale in comune lungo la tangenziale, di fronte a un ipermercato. Viva la concorrenza! Viva l’auto in città! Costi quel che costi…

  • Florian |

    Ci sono troppe auto in circolazione, non ci sarà mai posteggio per tutti attaccato alla meta di dove si vuole andare. Purtroppo bisogna accettare la realtà e cambiare mentalità nell’usare diversamente l’auto.

  Post Precedente
Post Successivo