Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il Comune aggiusta la buca mortale e finisce sotto inchiesta

Mai mettere in sicurezza una strada dopo un incidente: quella che ai più sembra un gesto di buonsenso dovuto alle vittime del sinistro, ai magistrati può sembrare un'ammissione di colpevolezza. Come vi spiegavo tempo fa, questo è il ragionamento che fanno – quando sono lontani da orecchie indiscrete – i gestori di strade. Ma ora arriva una conferma, che mi segnala Francesco Matera. Arriva da Vicenza, dove sei tecnici comunali sono finiti sul registro degli indagati per l'incidente costato la vita il 1° maggio scorso a un giovanissimo operaio, caduto con lo scooter forse per la presenza di una buca. E' bastato che la Polizia municipale, nel suo rapporto, segnalasse la possibile correlazione tra la presenza della buca e la caduta del ragazzo e che dopo l'incidente il Comune facesse ricoprire alla meglio quella buca piazzando pure un segnale di pericolo nelle vicinanze.

Sarà molto interessante vedere come si difenderanno gli interessati e se poi il Tribunale li riterrà davvero responsabili. Ma intanto è bene notare che quella buca si è aperta in un tratto in cui l'asfalto era stato rifatto non un secolo fa, ma a settembre 2008: la solita scarsa qualità di lavori pubblici fatti al massimo ribasso e magari con la necessità di pagare una tangente oppure problema dovuto a un inverno particolarmente rigido e piovoso?

  • Michele |

    Sono stato in Germania poco tempo fa e avevo seguito le notizie di un inverno assai rigido che avrebbe fatto rilevanti danni al manto stradale della rete viaria tedesca.
    Ebbene, nonostante tali notizie, durante tutto il viaggio, sia in autostrada che sulle strade extraurbane che urbane, non ho MAI trovato buche o asfalto malridotto come lo si trova spesso e volentieri sulle strade italiane.
    Mi auguro che, grazie anche a questo blog, si cominci realmente a ragionare sul perché le strade italiane siano così malridotte visto che i costi di asfaltatura sono altissimi ma la durata dei manti stesi è davvero breve. E a pensar male… spesso si fa centro.

  • laura |

    Corso Solerino e corso Magenta sono piene di buche da terzo mondo, è stato asfaltato in qualche modo solo un pezzo di corso Magenga e solo al centro della strada.
    Inoltre in via venti Settembre passano degli autobus che bruciano olio emettendo un fumo altamente inquinante che arriva al tetto dei palazzi.
    E’ una vergogna

  Post Precedente
Post Successivo