Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Se le auto a noleggio non si trovano, non è solo colpa del vulcano

Giovedì mattina, ore, 12, stazione Termini di Roma. L'emergenza-vulcano non aveva ancora sconvolto i trasporti in Italia e Termini è un posto dove sono presenti tutte le società di autonoleggio di livello perlomeno nazionale che operano in Italia, quindi in teoria problemi a trovare ua vettura non avrebbero dovuto essercene. Eppure, interpellando tutti gli addetti alla decina di sportelli in funzione, è stato possibile trovare solo una Lancia Musa: tutte le altre auto erano già assegnate a chi le aveva prenotate. Dunque, l'impossibilità di ottenere un noleggio denunciata dai giornali in questi giorni di blocco degli aerei e di treni strapieni parte da più lontano rispetto al vulcano islandese. Per capirlo, basta avere la pazienza di guardarsi le cifre.


Potete trovarle sul penultimo bollettino dell'ottimo osservatorio Fleet and Mobility, retto da uno che la sa lunga: Pierluigi del Viscovo (http://www.fleetandmobility.it/). Vi troverete che nel 2009, a causa della crisi, in Italia i noleggiatori a breve termine hanno immatricolato 100mila vetture, cioè ben 40mila in meno rispetto al 2008. Certo, questo non vuol dire che la flotta sia calata in pari misura: in alcuni casi, è stato allungato  il periodo di utilizzo prima della dismissione (di solito avviene dopo 8-12 mesi, ora non di rado si supera l'anno). Inoltre, non si sa ancora quanto stanno acquistando gli autonoleggi in questi mesi (che sono quelli in cui s'immatricola il grosso delle vetture da schierare in alta stagione). Però è innegabile che le flotte sono scese di consistenza, perché rispetto a prima i clienti sono di meno.

In questo quadro, Pierluigi del Viscovo ci dà pure gli strumenti per capire che i prezzi alti denunciati in questi giorni non spuntano dal nulla: ci racconta che negli ultimi tempi i noleggiatori hanno preferito indirizzarsi alla clientela dei turisti, disposta a sopportare tariffe più alte rispetto alle aziende, che li "strangolano" con il loro potere di contrattazione.

Tags:
  • andrea105 |

    con la crisi della liquidità, il valore di realizzo di una macchina di 8-12 mesi può essere il 50% del prezzo di listino;
    se le soc. di noleggio comprano con il 20-25% di sconto rispetto al listino, i conti fanno presto ad andare in rosso;
    l’unica soluzione è allungare il tempo di permanenza del veicolo in “flotta”, spendendo qualcosa di manutenzione;
    peraltro non mi sembra si possa pretendere , in un caso di emergenza così raro e di così vasta portata, di trovare auto a noleggio in quantità sufficiente
    [risponde Maurizio Caprino] Ma io mi riferivo al giorno prima del blocco. Quindi a una situazione di normalità in una stazione frequentatissima, dove le macchine di solito non mancano. Insomma, più che il vulcano colpisce la crisi.

  Post Precedente
Post Successivo