Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La stretta di Matteoli – I privilegiati dell’etilometro

Questa dovrebbe essere la settimana decisiva: il Governo dovrebbe varare un decreto legge (l'ennesimo, come vi ho scritto una settimana fa) per inasprire il Codice della strada. D'altra parte, con l'esodo pasquale, la visibilità mediatica è garantita. Molto probabilmente, però, continueranno a "salvarsi" dalla confisca prevista per drogati e ubriachi "gravi" coloro che guidano veicoli non intestati a loro. L'attuale versione dell'articolo 186 del Codice della strada esclude la confisca in questi casi per non rovinare il proprietario inconsapevole di cosa sta combinando la persona cui ha affidato il proprio mezzo e questo è giusto. Ma, dalle notizie che ricevo, casi del genere non sono affatto pochi e allora una riflessione s'impone.

Probabilmente c'è gente che, quando va a divertirsi, si scambia le auto per evitare la confisca e su questo nulla si può fare: come si fa a dimostrare che sono in combutta? Ma c'è una categoria su cui si può incidere: gli utilizzatori di auto dell'azienda per cui lavorano o di mezzi che hanno acquisito in noleggio a lungo termine (che poi non di rado sono persone ricche). Sono persone che usano una vettura come se fosse di loro proprietà, ma per legge si salvano dalla confisca. Non gli si potrebbe togliere questa "immunità"? In fondo, in caso di confisca, l'azienda o il noleggiatore potrebbero rivalersi direttamente su di loro, rispettivamente con trattenute sullo stipendio o addebiti sulla carta di credito lasciata eventualmente a garanzia. Devo comunque essere onesto: non so se ci sarebbero controindicazioni a livello di costituzionalità di una norma del genere (non sono un fine giurista).

  • Lorenzo |

    “Ciò non toglie che noi impiegati normali siamo privilegiati davanti all’etilometro esattamente come i ricchi furbi.”
    E allora perchè fare questa distinzione nell’articolo?
    Se si cerca di fare stampa al di fuori di questa “demagogia” imperante, allora la prima fase dovrebbe essere quella di evitare di fare gli stessi errori!
    [risponde Maurizio Caprino] Intendevo dire che l’auto a noleggio a lungo termine possiamo averla sia noi che la abbiamo dall’azienda sia i ricchi che la “acquistano” con questa modalità. Tutti gli altri povericristi ce l’hanno intestata a se stessi e per loro la differenza c’è eccome!

  • Un utilizzatore di auto aziendali |

    NON è detto che chi usa auto aziendali è ricco…..
    Io uso auto aziendali e sono un impiegato normalissimo…
    Molto spesso le aziende per immagine ti forniscono auto costose che poi come fai a ripagare.
    [risponde Maurizio Caprino] Lo sono anch’io e certo non mi paragono ai ricchi (e furbi) che si aprono una società fittizia per intestare ad essa i beni costosi (tra cui l’auto di lusso) traendone benefici fiscali. Ciò non toglie che noi impiegati normali siamo privilegiati davanti all’etilometro esattamente come i ricchi furbi.

  Post Precedente
Post Successivo