Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Tutti confusi dai segnali. In tutta Europa!

E così tutta l’Europa è paese. A giudicare del comunicato diramato oggi dall’Aci Download aci_eurotest_sulla_segnaletica.doc , la segnaletica confonde non solo in Italia: ben il 61% di un campione di guidatori intervistato in tutta Europa ritiene che i segnali siano la prima causa di confusione durante la guida. Sono troppi, disposti male, in cattive condizioni e coperti da alberi non potati e pubblicità. Una fotografia perfetta per l’Italia: glusto ieri notte ho vagato un quarto d’ora per San Severo – un paese del Foggiano non grandissimo e nemmeno complicato per l’orientamento -, semplicemente perché a un incrocio mancava il segnale che dirige all’autostrada e al successivo rondò ne mancava un altro, giusto quello che avrebbe dovuto consentire di uscire dalla rotatoria a chi è diretto in autostrada. Ma non ditemi che nella maggior parte dei Paesi Ue è così: il disordine è caratteristico dell’Italia, lo si vede subito alla frontiera. Chissà perché si lamentano anche gli stranieri per quel che vedono nel loro Paese.

  • Paolo |

    Buongiorno.
    Io non ho girato molto in automobile all’estero, ma ho comunque potuto dare una rapida occhiata in Francia, Olanda, Austria, Germania e Spagna. La segnaletica italiana è certamente la peggiore, soprattutto, a mio parere, per l’incredibile abbondanza di cartelli. Un flusso continuo di informazioni che la mente di una persona impegnata nella guida non riesce ad elaborare, con il rischio di trascurare le poche indicazioni veramente importanti (quando ci sono, naturalmente).
    Mi sembra incredibile che in Germania o in Austria gli automobilisti si possano lamentare della segnaletica, ma penso che lo facciano perché i loro standard di qualità attesa sono più alti dei nostri. Ho avuto modo di usare per una decina di giorni i trasporti pubblici di Monaco di Baviera, e rispetto agli standard italiani si possono definire con una sola parola: fantascienza. Per i tedeschi però sono normali, e credo che considerazioni simili valgano per le strade e la segnaletica.
    Un saluto.

  Post Precedente
Post Successivo