Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Liberalizzazioni o no, i tassisti devono studiare

Ieri sera tardi ho preso un taxi dall’aeroporto milanese di Linate. Una corsa lunga, tra tangenziale e città. Il tassista guidava in modo straordinariamente corretto (in assoluto, non solo in rapporto alla media abbastanza sconfortante della sua categoria): usava regolarmente la freccia, rispettava alla lettera gli stop, rispettava i limiti di velocità e sulla tangenziale teneva la corsia più libera a destra. Esponeva persino un cartello che ricordava a TUTTI i passeggeri l’obbligo di allacciare le cinture (sissignori, anche dietro: l’obbligo c’è dal 26 aprile ’90, appena un anno dopo che era entrato in vigore quello per i posti anteriori). Insomma, sembrava un candidato timoroso che sostiene gli esami per la patente. Ma io la patente non gliel’avrei mai data: questo povero tassista affrontava le curve a scatti e non sapeva tenere le mani sul volante. Quindi, un minimo imprevisto e avrebbe perso il controllo dell’auto. Così –lo ammetto- ho trascorso con preoccupazione il tempo di quella corsa.

Mi è tornata alla mente una giovane donna che perse la vita su un taxi andando proprio a Linate all’alba di Natale (del ’99 o del 2000, non ricordo). Ho pensato anche ai tanti tassisti che ho “esaminato” (è una deformazione professionale, osservo la guida ogni volta che salgo in auto come passeggero), trovando spesso errori basilari, come la regolazione del sedile e la posizione della mani: cose che non dovrebbero fare nemmeno i semplici patentati, figurarsi loro che devono avere anche un certificato di abilitazione professionale. Il Codice della strada è molto più severo con le auto dei tassisti stessi, che devono essere revisionate ogni anno (anche se poi sappiamo tutti che spesso le revisioni sono molto superficiali). Ne ho concluso che i pezzi di carta necessari per lavorare non servono per garantire la qualità, ma per mantenere il numero chiuso: le stesse cose che dicono persone più esperte di me riguardo alle professioni in generale…

  • Renato Scialpi |

    SACROSANTO: infatti nei paesi seri (Germania o Svizzera) gli autisti professionali di camion, bus, taxi fanno un istituto tecnico ad hoc. Ma in Italia nasciamo tutti patentati (a 14 anni motorino impennato e poi allegria!) e poi rischiamo la pelle sul taxi.
    Esperienza personale: tassista che ha bruciato un rosso a 70 all’ora a San Donato Milanese semplicemente perché non si era accorto che c’era il semaforo. Sono vivo per caso e professionalità dell’autista di un Volvo FH12 con targa inglese che ha miracolosamente intuito l’errore del tassista ed è riuscito a evitare l’incidente.

  • bischer l. |

    Credo che inasprire le pene sia giusto, anche se le leggi e le punizioni ci sono già. Mancano fondamentalmente due cose in Italia: I CONTROLLI e L’EDUCAZIONE STRADALE. Putroppo non ci sono i controlli per le strade. C’è poca polizia perchè magari è impegnata in altro, tipo negli stadi. Dirottiamo le forze dell’ordine per le strade e le città e sicuramente ci saranno meno incidenti e meno furti nelle nostre case. Quello che succede negli stadi e fuori causati dai tifosi è responsabilità delle società che organizzano l’evento. A loro l’onere della sicurezza e dei danni dei loro tifosi.
    Se il guidatore medio avesse la quasi certezza di essere controlloato rispetterebbe molto di più la legge.
    Per quel che riguarda l’educazione stradale, si investe troppo poco e chi si comporta veramente bene ed educatamente è veramente raro (vedi tassista citato). Esiste molta arroganza a prepotenza nelle strade, anche dovuta al fatto che non ci si muove più, il traffico è snervante alcune volte, anzi molto spesso.
    Basterebbe veramente poco alcune volte… ma in Italia bisogna usare il polso duro, non inasprendo le pene, ma intensificando i CONTROLLI!!!

  Post Precedente
Post Successivo