Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Vigili in borghese su moto contro gli smartphone alla guida. Ora ci prova Roma

Vigili motociclisti in borghese per beccare chi usa il cellulare mentre guida. Hanno iniziato a schierarli anche a Roma, come annunciato dal Comune (leggete il lancio Ansa qui sotto). Funzionerà? Come al solito, dipende da quanti vigili si riusciranno a schierare e per quanto tempo. Se saranno pochi e/o dovranno presto essere dirottati su altre emergenze, anche questo annuncio finirà tra i ricordi sbiaditi.

 

Stretta su uso cellulari alla guida a Roma, più controlli

(ANSA) – ROMA, 04 DIC – Stretta a Roma sull’uso dei cellullari alla guida. Il Comando generale della polizia locale ha predisposto un rafforzamento dei controlli di polizia stradale in varie zone del territorio contro l’uso del cellulare alla guida. Gli agenti del Gruppo Pronto Intervento Traffico (Gpit), in abiti civili e a bordo di moto senza colori, avrà il compito di sorprendere e sanzionare i conducenti che utilizzano cellulari senza auricolari o vivavoce. Dalle telefonate ai messaggi, sono oltre 15mila le sanzioni elevate dall’inizio dell’anno, un numero destinato a salire grazie anche a questo nuovo servizio – sottolinea la polizia locale. Per i trasgressori, oltre alla sanzione di 161 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente, scatterà la sospensione della patente da 1 a 3 mesi in caso di recidiva nel corso del biennio. “L’azione messa in campo dalla Polizia Locale, che mira a contrastare tali condotte di guida pericolose, legate spesso alle distrazioni al volante, ha l’obiettivo finale di limitare e dissuadere da comportamenti irresponsabili che possono provocare incidenti stradali, anche gravi” si legge in una nota.(ANSA).

 

  • Artemisio |

    Bella iniziativa ma mi sembra un po’ una presa in giro. Qualche sera fa ero a Roma, hanno chiuso la tangenziale, e le macchine hanno letteralmente intasato la corsia d’emergenza. Avessero fatto mezzo verbale. Avrebbero potuto fare cassa e provare a disciplinare quei maledetti trogloditi ma niente. E se qualche poveretto si trovava in ambulanza non so quando ssarebbe arrivato all’ospedale.
    Poi una macchina di idioti ha sorpassato tutta la fila mettendosi davanti a tutti quelli che la rispettavano, oltrepassando la linwa di stop, il tutto davanti ai vigili, che ovviamente non hanno detto niente.
    Perché oltre a fare i velox sui rettilinei con limite a 30 (E le preferenziali “trappola” segnalate male, che se ci entri per sbaglio non puoi uscire) non fanno le multe dove sarebbe veramente giusto? Gli basterebbe davvero multare solo tutti i furbetti che passano in corsia d’emergenza sul raccordo e sulla tangenziale quando c’è traffico.

  • pasquale daniele |

    Smartphone black out day
    il 25 dicembre 2018
    dalle 17 alle 19
    Spegni il tuo smart conquisterai due ore di “pace” in cui potrai fare quello che vuoi : una passeggiata, parlare con amici o parenti, leggere qualche pagina di un libro o stare semplicemente con la mente libera dallo smart. Lasciare per solo due ore il tuo smartphone sarà terapeutico e rilassante.
    Dopo riaccendi l’utilissimo strumento e potrai scambiare opinioni, impressioni su quello che hai fatto nelle due ore di smartphon black out.
    F A L L A G I R A R E

  • carl |

    Il software Levami le mani didosso abbisogna di piattaforma inerziale (che rileva il movimento del mezzo) con il GPS ma prob il software potrebbe anche essere bloccato o sospeso…. Comunque tutti e tre i sistemi ( software, vigili, giovani…) sono compatibili ma bisogna volerli e adottarli, unitamente ad una campagna di pubblicita’ progresso….

  • andrea reale |

    Piuttosto che utilizzare i vigili in borghese per risolvere una parte del problema, si possono obbligare i produttori di smartphone ad installare un software che impedisce l’utilizzo del telefono alla guida. L’idea è stata sviluppata e rilascaiata con licenza GPL. ed è quindi gratuita per la collettività https://www.facebook.com/levami.le.mani.di.dosso

  • carl |

    Funzionerà..? Come al solito..ecc. Lei giustamente nota. Ragion per cui, data la pericolosità (per gli altri…)dell’uso di cellulari mentre si sta guidando, personalmente penserei a qualcosa come la famosa “bocca delle accuse” nella quale i cittadini potevano imbucare accuse vere e false nei confronti di qualcuno… Nella fattispecie, ed al tempo presente penserei a sgunzagliare “giovani squattrinati” ,ma dotati di foto e video camere digitali con teleobiettivo, che si piazzerebbero quà e là… E qualora riuscissero ad “immortalare” qualche guidatore contempraneamnet alla guida ed al cellulare e ovviamente l’auto e la targa potessero ottenere (magari anonimamente e con modalità da stabilire)ricavare come “taglia” una percentuale della multa… Sono un infame…:o)? Mah ? Infame, oltre che irresponsabile, è di sicuro chi guida e usa il cellulare, ecc. E molto peggio che infame è chi guida dopo aver ingerito alcol e/o droghe..

  Post Precedente
Post Successivo