Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

#busungherese perché ha preso fuoco? E il pilone era vicino: autostrada vecchia

Lungi da noi pontificare sulle cause del disastro costato la vita stanotte a 16 ragazzi ungheresi in gita sul bus schiantatosi contro il cavalcavia dell’A4 di Verona Est. Ma tre cose possono aver contribuito a fare di una “normale” perdita di controllo il disastro che poi è stato:

-l’incendio;

-la vicinanza del pilone alla carreggiata;

– una eventuale insufficienza del guardrail.

Un incendio è strano per un bus: il gasolio del motore di solito non brucia e materiali infiammabili difficilmente si trovano a bordo di un mezzo destinato a una gita.

Il pilone è appena fuori la carreggiata probabilmente perché la A4 è nata a due corsie e poi è stata ampliata a tre. In questi casi, spesso non vengono rifatti i cavalcavia, i cui piloni restano quindi nella posizione originaria. Che finisce col trovarsi a un passo dal nuovo bordo della carreggiata.

Il guardrail davanti al pilone doveva esserci e c’era. Ma occorre vedere se ha tenuto come doveva. Si può sospettare che l’impatto sia stato di quelli nei quali una barriera moderna, adeguata, montata e tenuta bene avrebbe dovuto far “rimbalzare” il bus a centro carreggiata. Ma su questo occorreranno fior di riscontri per confermare che sia stato un bis della strage di Avellino, costata la vita a 40 persone sull’A16 il 28 luglio 2013 e per la quale sono sotto processo i vertici di Autostrade per l’Italia (il tratto di A4 della strage di stanotte è invece gestito dalla società Brescia Padova “Serenissima”).

  • Maurizio Caprino |

    E soldi no? Comunque, la resistenza di una barriera ai mezzi pesanti non è solo una questione di altezza. E un bus non è impegnativo quanto un tir: pesa sensibilmente meno.

  • James |

    A prima vista, il guardrail era troppo basso per fermare mezzi alti come TIR o autobus; per cui un incidente dovuto a sonno, scoppio di ruota o guasto può diventare tragedia. Un po’ come la Torre Piloti a GE. Un normale urto contro la banchina fa sì che una torre a filo d’acqua diventa una tomba. Per la sicurezza, la prima regola è fare in modo che l’incidente sia impossibile, la seconda che anche se c’è, non sia mortale. Ci vuole occhio, responsibilità ed esperienza.

  Post Precedente
Post Successivo