Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Filtri antiparticolato retrofit – Motorizzazione sotto inchiesta e un caso come il metodo stamina

Brutta storia quella tirata fuori lunedì scorso da Report sui filtri antiparticolato da montare in retrofit su auto diesel e camionGuarda il servizio di Report. Nel pieno dei blocchi del traffico 2007-2008 causa polveri sottili, i produttori li indicavano come la soluzione per chi non voleva o poteva cambiare l’auto e premevano sulla Motorizzazione perché li omologasse. Un passo necessario per annotarne il montaggio sulla carta di circolazione e quindi l’esenzione dai blocchi (se il Comune l’avesse prevista anche per i retrofit). Si sa da anni che quella corsa all’omologazione aveva aspetti non chiari. Report, non patendo la schiavitù delle notizie di giornata che opprime il 90% dei media, ha avuto il tempo e la tenacia per approfondire. E ora ci racconta che la Motorizzazione avrebbe omesso alcuni test nel processo di omologazione dei dispositivi Pirelli e Iveco.

Ovviamente sarà la magistratura a darci risposte, con perizie e sentenze che potremo commentare. Ma anche all’epoca dei fatti ci si chiedeva quanto potessero essere efficaci questi filtri non progettati assieme al motore e necessariamente sprovvisti di dispositivi di rigenerazione che ne prevenissero l’intasamento. Girava anche voce che gli intasamenti non fossero affatto rari e che ai meccanici venisse informalmente raccomandato di risolverli bucando il filtro. E cresceva l’impressione che il caso-filtri fosse un business concertato con la politica, grazie a divieti di circolazione molto estesi per i mezzi pesanti in Lombardia decisi dalla Giunta di un Roberto Formigoni la cui immagine di onestà vacillava già all’epoca.

Certo, i produttori negavano. Ma colpiva la gran messe di omologazioni ottenute su svariati veicoli da due soli costruttori di filtri, mentre gli altri arrancavano. Era difficile distinguere il legittimo sforzo economico per lanciare adeguatamente un bel prodotto da quello per ingraziarsi stampa e istituzioni. Ed era difficile trovare risposte definitive: ci vuole la forza economica di commissionare test complessi a organismi davvero indipendenti e poi bisognava aspettare che sul mercato questi dispositivi si diffondessero, per avere le determinanti testimonianze di chi li aveva pagati e li stava utilizzando.

Questi ultimi riscontri saranno ormai difficili da avere: sul mercato i filtri non hanno certo sfondato. Nell’attesa che la magistratura ci dimostri di avere più forze di noi e di saperle usare, sembra quindi restare l’impressione di tanto rumore per nulla.

Ma c’è dell’altro. Report ha imbastito gran parte del servizio sulla storia di una delle aziende che non sono riuscite ad ottenere l’omologazione. È l’altra faccia di questa storiaccia. Ancora più complicata, se possibile: si parla di un abbattimento del particolato ottenuto non con un filtro, ma irradiando onde che modificherebbero la composizione molecolare dei gas di scarico. Un metodo che ricorda altri dispositivi rivelatisi inaffidabili e su cui non sono mai arrivate conferme qualificate. Però un Centro prova della Motorizzazione aveva eseguito test favorevoli, che la direzione generale della Motorizzazione ha bocciato.

A completare il quadro, la teoria di una minoranza scientifica secondo cui i filtri veri e propri sarebbero addirittura dannosi perché non farebbero altro che scindere il particolato in micropolveri ancora più sottili, quindi in grado di penetrare ancor più profondamente nei polmoni.

Anche qui mancano conferme da parte della scienza ufficiale, che però è tacciata di omertà perché ci sarebbero troppi interessi eccellenti in ballo, tra investimenti di multinazionali e incentivi pubblici alla ricerca.

L’unica certezza è che questo è uno dei tanti campi di frontiera, in cui la scienza non ha ancora scoperto abbastanza e siamo destinati a sentire varie teorie ancora per anni prima di avere almeno alcune risposte definitive. Nel frattempo, sentiremo ancora tutto e il suo contrario. Avete presente il metodo stamina?

  • buffs |

    Molto semplice, il D.M. I Febbraio 2008 N° 42 era fatto su misura per i filtri che trattengono il particolato simili a quelli di primo equipaggiamento delle case produttrici. Dispositivi che agiscono a monte del motore sottoponendo il carburante agli effetti fisico/chimici più disparati che dovrebbero ridurre emissioni e consumi ne esistono da decenni in tutto il mondo. Nessuno di quelli ha mai dimostrato efficacia in test seri (cioè ripetibili e indipendenti, per esempio quelli che esegue la EPA in USA per il programma ‘Aftermarket Retrofit Device Evaluation Program’ tramite il quale è stato CERTIFICATO il non funzionamento di tantissimi dispositivi che differiscono da quello tanto amato da REPORT principalmente per la verniciatura del tubo, come questo http://www.epa.gov/r02earth/air/inset.pdf) per cui i ‘tubi’ non sono stati giustamente tenuti in considerazione confezionando il D.M. N° 42. La ditta amata da REPORT a tal punto da dedicarle una puntata nel 2011 e un’altra fotocopia nel 2014, inspiegabilmente è riuscita a far partire un maldestro tentativo di omologazione che è stato completato per quanto riguarda la parte di compatibilità elettromagnetica e si è arrestato per quanto riguarda la parte funzionale (per un pelo…perché non essendo affatto simile ai ‘filtri’, non riesce effettuare le prove di durata, per il resto si riesce a stare nei requisiti facilmente perché la sola variabilità indesiderata delle prove di emissioni è talmente elevata che basta applicarsi un pochino in sala prove, rimanendo nella legalità per starci dentro). Ora gli amati da REPORT da un lato fanno finta che l’omologazione parziale che hanno ottenuto sia totale e dall’altro piagnucolano perché non riescono a ottenere l’omologazione…Contemporaneamente i protetti di REPORT si sono alleati con un altro azzeccagarbugli che fa casini molto spessi con le polveri sottili…

  • arthemis |

    La scienza non è democratica: chi fa le affermazioni le deve provare e soprattutto deve mettere altri in condizioni di poter ripetere l’esperimento (appunto: ‘avete presente il metodo Stamina?’).

    Stranamente, quando si tratta di mobilità i cittadini non tirano in ballo il famigerato principio di precauzione…

  Post Precedente
Post Successivo