Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Gli italiani amano ancora l’auto. Ma solo per interesse

Dunque, non è che l'auto per gli italiani sia diventata scomoda e superata in sé: secondo un'indagine statistica Nielsen (Download Nielsen_20130414_cs_automotive_rev_7), il 71% dichiara ancora che è il mezzo più comodo per gli spostamenti quotidiani. La media europea è drasticamente inferiore: 52%. E anche tra i pendolari l'uso dell'auto è sensibilmente superiore in Italia. A chiudere il cerchio, il fatto che la propensione all'acquisto resta bassa.

Insomma, possedere un'auto è una rogna per le innumerevoli complessità della sua gestione. Ed è pure maledettamente costoso. Così anche la ricerca Nielsen conferma una delle cose che i costruttori d'auto hanno digerito peggio negli ultimi anni: il fatto che i loro prodotti non sono più considerati status symbol da una buona parte della clientela. Anche se poi bisognerebbe spiegare perché nella crisi se la cavano meglio i marchi premium, le suv e le crossover, tutte cose che una certa immagine la danno, a scapito di modelli più improntati alla razionalità. Ma bisogna anche considerare che la Nielsen ha intervistato solo utenti di internet, il che falsa un po' il campione rispetto alla totalità dei consumatori.

Alla fine, la Nielsen sottolinea che queste sono le condizioni favorevoli al car sharing. Che infatti sta facendo boom, nell'unica città dove funziona davvero bene: Milano. E in questi mesi si stanno aggiungendo Roma e Torino. Poi, giurano gli operatori, verrà la volta di tutte le altre grandi città. Anche al Sud.

Però il car sharing da solo non può coprire tutte le carenze del trasporto pubblico, se non altro perché se si diffonde troppo crea anch'esso problemi non da poco, che infatti si vedono già.

  • flori2 |

    Rinuncerei all’auto se potessi raggiungere il posto di lavoro senza dover cambiare 3 mezzi pubblici

  • peofsz1600 |

    Io sono socio del servizio Car Sharing torinese dal 2004, è ottimo, con vetture ben distribuite ed in ottime condizioni, il servizio è efficiente.
    Non c’è solo Car2go…

  • Luigi |

    L’inciviltà parte sempre dallo stesso problema: la corruzione della ns classe politica. Prendiamo Moretti, manager pubblico che si è lamentato del suo milionario stipendio. Ha distrutto le ferrovie. I paesi sono di fatto isolati o si devono accontentare di carri bestiame stipati di puzzolenti stranieri. E Renzie che fa? lo promuove! guadagnerà ancora di più e distruggerà un altro pezzo del tessuto produttivo italiano. Finche non si capisce che siamo in mano ad una manica di ladri non si evolverà mai nel pensiero.

  • supereasy |

    Io mi libererei dell’auto molto volentieri, è una preoccupazione costante ed un costo enorme. Il problema è che non si può perché non c’è alternativa. Il trasporto pubblico è assente, altrettanto costoso, e, qualitativamente parlando, osceno. E lo dico vivendo nel pieno centro di una delle città più grandi di Italia. Del resto allo stato conviene, risparmia sul trasporto e fa cassa dichiarando l’auto un bene di lusso. Per altro questa situazione, abbinata alla mancata sorveglianza, esaspera la situazione di totale anarchia sulle strade. Io ormai ho paura ad uscire di casa, sia come pedone che come automobilista. Un’inciviltà tutta italiana, di cui mi vergogno profondamente.

  Post Precedente
Post Successivo