Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il discorso di Matteo Renzi – Voleva dire che introdurrà l’omicidio stradale?

Incredibile, ma vero. Finalmente un presidente del Consiglio ha parlato di un incidente stradale durante il discorso in cui ha chiesto la fiducia (al Senato, in questo caso). Dunque, il nuovo premier Matteo Renzi ha dato alla sicurezza stradale il "diritto di cittadinanza" per stare in mezzo a cose da talk-show di prima serata come "cuneo fiscale", "tasse", "ripresa economica" e altre cose di cui i media parlano in continuazione. Lo ha fatto per far illustrare un concetto che tante volte ha fatto capolino nel suo discorso: nella quotidianità della gente c'è anche altro rispetto a ciò di cui si parla nel dibattito politico. E fin qui tutto bene. Il problema è che Renzi, nel parlare di quell'incidente stradale, ha fatto un chiaro riferimento alla morte di Lorenzo Guarnieri, in seguito alla quale all'epoca firmò la petizione per introdurre il reato di omicidio stradale.

Vuol dire che ora, da premier, Renzi porterà avanti quella proposta, di fatto finora stoppata da svariate difficoltà pratiche e giuridiche? Non è detto: è presto per desumerlo da un discorso forzatamente generico come quello in cui si chiede la fiducia, che si presta a tanti effetti mediatici e a poche riflessioni tecniche. Speriamo però che Renzi rinunci a farci sopra l'ennesima operazione d'immagine.

Quindi non dovrebbe cedere alle sirene mediatiche e avviare una seria e silenziosa riflessione. Che non potrà che portare a lasciar perdere, pretendendo invece che le indagini si facciano adeguatamente. Ciò, a sua volta, significa che i giudici cambino mentalità, dando agli incidenti una dignità superiore a quella dei processetti. A ritroso, questo implica risolvere i problemi della giustizia. Ce la farà Matteo Renzi, dopo decenni in cui vi si cimentano un po' tutti?

  • andrea |

    – tornando alla ipotesi di introdurre un nuovo reato di “omicidio stradale” (o di aumentare la pena edittale per l’aggravante specifica già prevista ex art. 590 cp per l’omicidio commesso con abuso di alcol/assunzione sostanze stupefacenti), ad evitare effetti…controproducenti occorrerebbe intervenire anche sul reato di omissione di soccorso;
    – già adesso, se il sinistro con lesioni gravi/morte è stato provocato in stato di ebbrezza, il responsabile tende a…scappare e ripresentarsi 6 ore dopo, quando il tasso alcolemico è sceso sotto soglia (risponderà di omissione di soccorso, ma eviterà la imputazione per l’aggravante specifica ex art. 590 cp);
    – in linea di massima mi sta bene aumentare la pena edittale minima per l’omicidio colposo commesso in stato di ebbrezza ecc…; contemporaneamente occorre aumentare la pena edittale minima per l’omissione di soccorso.

  • UBALDO |

    QUANDO IL CONDUCENTE CAPIRA’ CHE LA STRADA E’UN LUOGO SOGGETTO A PUBBLICO PASSAGGIO IL TRAFFICO AVRA’ UN’ASPETTO DIVERSO DI QUELLO DI OGGI…………. SPERIAMO BENE

  • andrea |

    – per i comportamenti che verrebbero sanzionati (omicidio commesso con abuso di alcol/assunzione sostanze stupefacenti), la pena detentiva non ha effetto deterrente, nè potrebbe dare particolare…sollievo (soddisfazione?) ai parenti delle vittime (vendetta?).
    – Se l’intendimento è quello (giustissimo) di migliorare la sicurezza della
    circolazione, invece di introdurre un forcaiolo reato di omicidio “stradale”,
    si potrebbe semplicemente modificare l’art. 187 CdS.
    – In base alle regole in vigore, la sanzione penale è prevista per chi guida
    “in stato (attuale) di alterazione psico-fisica per uso di sostanze
    stupefacenti”, ed è molto difficile dimostrare “quando” è avvenuta l’
    assunzione di droga (a differenza del tasso alcolemico, facilmente
    determinabile con prelievo sanguigno ecc…).
    – In fase di rilascio/rinnovo della patente si potrebbe stabilire l’obbligo di
    esami tossicologici: chi fa uso anche solo di cannabis…vada a piedi;
    – quindi divieto di guidare non solo “in stato attuale di alterazione
    psicofisica”, ma anche per tutti coloro che fanno uso di sostanze
    stupefacenti.
    – Per inciso, anche gli psicofarmaci (benzodiazepine ecc…) sono sostanze che alterano la capacità di guidare, quindi, a prescindere dalla prescrizione medica, i soggetti che ne fanno uso dovrebbero…andare a piedi.
    – Idem per l’abuso di alcol, invece di introdurre un nuovo reato, meglio incrementare i controlli su
    strada ed agire… in via amministrativa: chi viene sorpreso al volante con tasso
    oltre soglia, patente revocata…a vita.
    – Se poi, con patente revocata, il…recidivo viene sorpreso di nuovo al volante, si puè pensare a misure…interdittive

  • Luigi |

    Speriamo, l’omicidio stradale è giusto che ci sia

  Post Precedente
Post Successivo