Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Renzi idolo del popolo di sinistra, ma sulla sicurezza delle strade tace come il ministro ciellino

Come da pronostico, Matteo Renzi ha stravinto le primarie del Pd. Non ha avuto il minimo bisogno di seguire il "consiglio" di Oliviero Beha, che sul "Fatto Quotidiano" lo aveva invitato per due volte a dimostrare la sua reale determinazione a rottamare l'inveterato sistema di potere politico-economico-finanziario nazionale pretendendo chiarezza sulla strage di Acqualonga. Cioè su com'è stato possibile che un guasto su un bus abbia potuto fare 40 morti. Avrebbe probabilmente visto che c'è qualcosa di preoccupante, tanto da suggerire di aumentare i controlli sulla manutenzione delle autostrade e rendere più severe le concessioni con cui lo Stato le affida ai gestori, che poi sono il fior fiore della finanza e dell'economia nazionale.

Dietro un guard-rail che non tiene c'è tanto da vedere, per chi vuol vedere. E sulla partita autostradale si misura la determinazione di un aspirante premier eletto dal popolo come Renzi a trattare con fermezza e dignità con i poteri forti. Nell'interesse del popolo, di cui fa parte la cosiddetta base del Pd, che ora sarà data come vincente contro i vecchi mandarini del partito, ora che Renzi ha vinto le primarie.

Dunque, Renzi non ha fiatato. Potremmo pensare che sia per la sua già dimostrata tendenza a scivolare quando si tratta di affrontare seriamente questioni stradali. Invece "L'Espresso" in edicola questa settimana ci dà un'ulteriore spiegazione possibile: il collega Luca Piana scrive che tra il nuova capo del Pd e la massima espressione di quei poteri, Fabrizio Palenzona, c'è un rapporto di grande stima. Palenzona, per chi non lo sapesse, presiede tra le altre cose Gemina (ora incorporata in Atlantia, sempre nell'orbita dei Benetton, quindi dei maggiori gestori autostradali italiani) e l'Aiscat (l'associazione delle società autostradali) ed è vicepresidente di Unicredit.

Intendiamoci: un leader deve dialogare coi poteri forti. Lo insegna anche la recente vicenda di Nichi Vendola, messo alla berlina per una telefonata goliardica col gran cerimoniere dell'Ilva di Taranto: io credo che non ci sia nulla di scandaloso nel tenere rapporti civili e pure umani con la controparte, lo si è sempre fatto ed è ipocrita pensare il contrario; casomai , nel caso Vendola bisognerebbe puntare l'attenzione dell'opinione pubblica su altre carte della monumentale inchiesta della Procura tarantina.

Però c'è modo e modo di parlare e di confrontarsi. Renzi quando fa i discorsi punta molto sulla lotta agli inciuci e altre cose "antisistema". Non si pretende lo stesso linguaggio negli incontri riservati, sarebbe fuori dal mondo. Ma non è nemmeno ammissibile il silenzio assoluto che finora Renzi ha tenuto sulla partita autostradale: è lo stesso atteggiamento tenuto da Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture. Cioè un ciellino sempre in prima fila tra i berlusconiani. Siamo sicuri che quest'affinità di comportamenti piaccia alla base del Pd che ha chiesto (e ora dopo anni ottenuti) Matteo Renzi al vertice del partito?

  • Maurizio Caprino |

    Come cerco di spiegare (anche in questo post), qua non è un guard-rail che sfortunatamente non ha tenuto, ma l’indice di come opera un sistema di potere politico-economico-finanziario che fa il bello e il cattivo tempo sulle concessioni autostradali. Cioè poteri forti che si misurano su una delle partite più delicate dell’economia di un Paese, visti l’enorme quota del trasporto che passa per le autostrade, il grande peso che le costruzioni autostradali hanno innegabilmente e la vicinanza del tema con quello delle privatizzazioni (di cui, guardacaso, si torna a parlare in queste settimane per aggiustare i conti pubblici). Tutte cose ben più ampie dei guard-rail da sistemare, come appare superficialmente. Quindi un leader politico DEVE occuparsene, anche se non apparentemente il loro legame con temi “forti” non si vede. Cerchiamo di guardare la luna e non il dito: quel maledetto guard-rail, oltre a non essere affatto l’unico in quelle condizioni, offre uno spaccato del modo lasco con cui contratti importanti come le concessioni autostradali vengono scritte (dallo Stato o dai concessionari stessi, certi che poi il ministro di turno gliele visterà?): le si propaganda come cose bellissime, perché la differenza vera la fanno i particolari come quelli emersi in questa storia. Su un piatto d’argento, che perô nessuno vuole toccare. Chiediamoci perché. Altrimenti accontentiamoci dell’informazione “mainstream”, quella su cui basta una telefonata della persona giusta per far apparire anche grandi forum di grandi gestori e costruttori che lamentano per l’ennesima volta che le regole sono incerte e a loro sfavorevoli.

  • mctarabini |

    Renzi e Lupi in sintonia su qualcosa… Capita, tra esseri umani (anche se la politica ci ha abituato ad altro).
    Lupi è ministro dei trasporti e come tale dovrebbe occuparsi della questione. Qui le posso dar ragione!
    Mi sfugge però il motivo per il quale ci si aspetta che Renzi ve ne si interessi… purtroppo il guard-rail che non regge è una goccia nel mare delle inadempienze e negligenze commesse dello stato e da coloro che ne amministrano il patrimonio.

  Post Precedente
Post Successivo