Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Se a Monza c’è coda anche col nuovo tunnel faraonico

Pensavo proprio di aver sbagliato giorno l’altro ieri, quando sono arrivato a Monza. Non ricordavo esattamente quando avrebbero aperto il mitico tunnel della SS36 che eliminerà le code perpetue sul tratto alle porte di Milano di questa superstrada nevralgica, che collega mezza Brianza, mezzo Lario e la Valtellina al resto d’Italia ed è uno dei percorsi più gettonati dai pendolari (loro malgrado). Mi avevano detto che il tunnel era già aperto e sono andato a vedere com’era. Ma ho trovato ancora segnaletica di cantiere e la solita coda.

Inaugurazione rimandata? No, anzi: come spesso accade, era stata anticipata rispetto al completamento effettivo di tutti i lavori. Quindi, si è verificato il solito, prevedibile effetto: nel tunnel vero e proprio si scorre, ma poi arrivano una strettoia e un semaforo pedonale. Ovviamente, più scorri prima e più t’intruppi dopo: il “percorso di guerra” che c’era prima, con le sue chicane e un paio di ulteriori semafori, filtrava i passaggi e li diluiva, rendendo meno evidenti le code.

Tutto scientificamente noto. Così come era noto che la strettoia e il semaforo residui sarebbero rimasti ancora, fino a giugno pare. Quindi, l’Anas e il Comune di Monza sapevano benissimo che ci sarebbero state le code. E allora perché nelle ultime settimane hanno tanto enfatizzato l’inaugurazione? Così facendo, hanno alzato le aspettative della gente, rischiando un effetto-boomerang.

Certo, il tunnel è la galleria sotterranea urbana più lunga d’Europa (1,8 chilometri) e va a risolvere un problema ultratrentennale in una delle aree più importanti del Paese. Ma costava così tanto annunciarne l’inaugurazione spiegando alla gente che probabilmente ci sarebbero stati ancora disagi nei primi tempi?

AGGIORNAMENTO dell’11 aprile: con una conferenza stampa e un comunicato l’8 aprile l’Anas ha chiarito a che cosa sono dovuti i disagi e specificato che i lavori finiranno del tutto solo a novembre. L’apertura della galleria prima del completamento dei lavori era necessaria per consentire di operare anche in parti del vecchio tracciato (che per questo vanno liberate dal traffico). Ma in un inciso del comunicato l’Anas parla di apertura al traffico “sollecitata dal territorio”, lasciando forse capire che un po’ di tempo in più se lo sarebbe preso e che invece la politica locale impone i suoi tempi (ah, la ricerca del consenso!). Ma questo sarebbe stato un motivo in più per mettere le mani avanti preannunciando che l’apertura al traffico sarebbe stata “incompleta”.

  • Maurizio Caprino |

    Ma per la piccola Italia il tunnel di Monza è faraonico: abbiamo grandi trafori e tante gallerie (siamo un Paese montuoso…), ma in ambito urbano abbiamo fatto pochissimi passi avanti rispetto al Muro Torto degli anni Sessanta a Roma.

  • nando |

    Anche voi cadete nel provincialismo di definire questa galleria urbana come “faraonica”. L’Europa intera (per non parlare di Usa, Canada, Giappone) sono pieni di tunnel come questo nelle aree urbane, e sono infrastrutture NORMALI per un paese civile.

  • Davide corbetta |

    Il sito http://www.statale36web.it che dovrebbere fornire informazioni aggiornate è una schifezza per fare pubblicità all’anas senza alcuna informazione utile.
    Che prima di aprire il tunnel bisognava finire i lavori alla strettoia ( che hanno sospeso per un mese per finire il tunnel!!!) lo capiva anche un banbino….. ma Maroni ha tanto insistito…

  • angelo1950 |

    Condivido quanto lei afferma nell’articolo. Esiste anche un sito internet dove informarsi circa l’evoluzione dei lavori, costantemente aggiornato. Sarebbe stato sufficiente darne notizia in quella sede.

  • ornello |

    com’é possibile immaginare il tunnel, che si collega alla tangenziale, senza coda se prima non si risolve il traffico della tangenziale?

  Post Precedente
Post Successivo