Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Giustizia lenta e l’ubriaco circola lo stesso. Ma scambiarsi alla guida non serve

Ci sono città in cui fare controlli è più facile che in altre. Prendiamo Genova, che si sviluppa in buona parte su una striscia di terra e ha una viabilità urbana tanto complicata che spesso si devono usare le autostrade che la lambiscono. Così basta piazzarsi in qualche punto strategico dell'autostrada per fare operazioni efficaci. E così è accaduto anche nelle notti dei festeggiamenti di fine anno: la Polizia stradale ha ritirato 10 patenti in appena sei ore, divise tra due notti.

Ma soprattutto è stato beccato ubriaco alla guida un automobilista che era già risultato positivo a un controllo notturno della scorsa estate e, nonostante questo, guidava ancora tranquillamente. Indovinate un po' perché: nonostante la guida in stato di ebbrezza sia un reato "semplice", la sentenza di condanna non è ancora arrivata e nel frattempo la patente gli era stata restituita. Di qui a sentirsi impunito e impunibile il passo è breve e l'interessato non solo si è rimesso (legittimamente) a guidare, ma ha anche bevuto prima di farlo.

Da segnalare che durante i controlli gli agenti hanno notato un'auto che si è fermata sulla corsia di emergenza alla loro vista. Ingenuamente, il conducente si è scambiato con la passeggera. Ovviamente entrambi sono stati sottoposti all'alcol test e lui – pur fingendo di sonnecchiare – è stato trovato positivo. Ma ci voleva così tanto a far guidare direttamente la passeggera?