Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Passaggi pedonali insicuri: l’Aci fa le linee guida per migliorarli in tutta Europa

Basta col giallo pedonale "alla romana", che per proteggere i pedoni più lenti finisce col mettere a rischio tutti, indotti ad attraversare lo stesso quando capiscono che è lunghissimo e che per farlo così il verde è stato ridotto a un niente. Al posto del giallo, un countdown che segnala quanto manca al rosso, in modo che ciascuno possa regolarsi. Questa è una delle proposte che avanza il gruppo di lavoro dell'Aci, leader europeo nello studio degli attraversamenti pedonali, nelle sue linee guida pubblicate l'altro ieri.


In effetti, linee guida sono necessarie in tutta Europa: le strisce pedonali hanno forti carenze ovunque,  non solo in Italia. Diciamo che da noi si aggiunge la mancanza di rispetto dei guidatori nei confronti dei pedoni anche quando vedono che stanno già attraversando, ma quando la visibilità di zebre e passanti è scarsa tutti i Paesi sono uguali.

Tra le proposte per aumentare la visibilità, trovo molto interessante quella di evidenziare che ci si sta avvicinando a un passaggio pedonale tracciando a zig zag la striscia di mezzeria e quella eventuale di margine nei metri che precedono. Un'idea che ho visto in Gran Bretagna e che mi pare attiri di più l'attenzione rispetto alle inutili (e soggette a scolorirsi) "cornici" rosse, blu o verdi (secondo il colore politico della Giunta di turno) nelle quali vengono "annegate" oggi molte strisce. Non so se la cosa sia perfettamente compatibile col Regolamento di esecuzione del Codice della strada italiano. Ma nessuno se n'è mai fatto un cruccio (anche in autostrada, per aumentare la velocità percepita e indurre a rallentare, da qualche anno usano strisce di mezzeria con tratteggiamento più corto del previsto). E comunque il regolamento è più facile da cambiare rispetto al Codice: il Parlamento è meno coinvolto.

  • Paoblog |

    @goldwing: esco un attimo dal tema, visto che si parla di deficienti in comune.
    °
    In comune non c’è una testa pensante, è un dato di fatto che si può evincere dal fatto che chi arriva in piazzale Lotto (da Viale Caprilli) e deve andare verso Viale Elia non può più fare il giro della piazza, ma causa i lavori della MM5 (fino al 2015, mica qualche giorno…) deve svoltare a sinistra sul viale.
    °
    Non sarebbe un problema se avessero regolato i semafori in modo tale da dare il tempo di svoltare; invece no, scatta il verde ed arriva il flusso di traffico da Viale Murillo ed ecco il caos.
    Vedi: http://paoblog.wordpress.com/?s=san+siro+m5

  • GoldWing98 |

    Nel caso di strade troppo larghe, l’attraversamento pedonale va fatto “a rate”, cioè si attraversa prima metà strada, ci si ferma sull’ “isola” e poi, al successivo verde, si attraversa l’altra metà.
    Ovviamente se l’isola c’è.
    Se la strada è troppo larga, il verde è troppo corto e non c’è nemmeno l’isola, allora ci sono dei deficienti al comune. :))
    [risponde Maurizio Caprino] Infatti l’isola chi l’ha vista? (a parte quella dei famosi, ovviamente)

  • Paoblog |

    @Goldwing: Vero, probabilmente non mi sono espresso al meglio, in quanto il ragionamento era nell’ottica generale.
    Con il giallo non devo inziiare ad attraversare, con il verde non ho tempo a sufficienza; vero che con il giallo ad attraversamento in corso posso terminare, se non fosse che non tutti i semafori sono regolati in egual misura. Nelle vicinanze di Corso Vercelli (a Milano) c’è un semaforo con un verde cortissimo ed un giallo lungo, ma considerando la larghezza della strada, non è sufficiente.Ed allora ecco le persone anziane che accelerano la marcia (con rischio di caduta, magari)…

  • GoldWing98 |

    @ Paoloblog, forse ti sei espresso male.
    Non è vero che, fermandosi al giallo, il pedone “non riuscirà mai ad attraversare”, in quanto il pedone col giallo si deve fermare solo se non ha ancora cominciato ad attraversare (oppure se è a metà strada, nell’ipotesi in cui ci sia un’ “isola” dove fermarsi.
    Se invece, come spesso capita, il giallo per il pedone scatta mentre sta attraversando, lui ha tutto il tempo per completare l’attraversamento.
    Per il resto, concordo che il giallo è troppo lungo e il verde troppo corto.

  • MA |

    A Pamplona(ES), esistono già da almeno 5 anni….

  Post Precedente
Post Successivo