Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

I guasti all’Abs della Matiz, le spiegazioni che non spiegano e il ministero che deve indagare

Sono ormai passati quattro giorni lavorativi e ancora non sappiamo se la Chevrolet ammette ufficialmente il difetto all'Abs di alcune Matiz, che ha scoperto SicurAUTO e di cui abbiamo parlato venerdì sera a Mi Manda Raitre. In trasmissione, l'azienda non si è presentata, consegnando "agli atti" un comunicato in cui da un lato addebita i guasti lamentati dai clienti a imprecisate carenze di manutenzione, dall'altro si rende genericamente disponibile a contribuire alle spese di riparazione con la formula della "correntezza commerciale" (che si può riassumere con un "non hai diritto a nulla, ma siccome sei tu ti concedo qualcosa"). Tutto sbagliato.

Se proprio fosse vero che tutti e 32 gli episodi sospetti che risultavano fino a venerdì erano dovuti a proprietari incoscienti che non curano i freni, innanzitutto occorrerebbe spiegarlo con precisione e poi non si vedrebbe come mai favorire questi pirati della strada pagandogli anche una parte delle spese. Se invece l'applicazione della correntezza commerciale si rivelasse alla fine un'ammissione di colpa, la Chevrolet non potrebbe assolutamente chiudere la partita in questo modo: troppo comodo, perché qui c'è un problema di sicurezza, che va risolto con un richiamo e i richiami sono per legge (articolo 107 del Codice del consumo, che ha recepito la normativa europea) a spese del costruttore. Dunque, il comunicato Chevrolet sembra più un esercizio di equilibrismo, magari il frutto di un compromesso tra la posizione di qualche legale che consiglia di "tenere duro" e qualcuno che si occupa dell'immagine e che ovviamente si preoccupa di non rovinare la reputazione aziendale.

Non è improbabile che sull'atteggiamento della Chevrolet pesino anche considerazioni economiche: stiamo parlando di un'utilitaria da sempre economicissima (quindi su cui il costruttore guadagna solo perché ne vende tante, avendo su ogni esemplare un margine basso), ormai fuori produzione (quindi non c'è la preoccupazione di tutelare l'immagine del modello) che richiederebbe un risanamento costoso (mille euro e più). Tutti parametri che possono spingere un costruttore a insabbiare un difetto: è già successo in passato (ricordo i casi delle bielle Peugeot e degli scooter Kymco), per cui chi mi ribatte che i richiami si fanno anche su modelli vecchi dovrebbe tener conto che è vero ma dipende anche da quanto costano (è facile richiamare una vecchia utilitaria solo per verificare se c'è ancora un'etichetta o se un bullone è stretto bene).

Proprio perché sono cose già note agli addetti ai lavori, diventa interessante capire come si muoverà la Motorizzazione, cui spettano la vigilanza sui problemi di sicurezza e il potere di imporre richiami. Staremo a vedere se archivierà il caso accontentandosi delle spiegazioni della Chevrolet oppure se – proprio perché stiamo parlando di interventi costosi su auto che al costruttore "non interessano più" – farà un esame più approfondito. Gli indicatori per decidere di indagare ci sono tutti.

  • Michele |

    Salve anche io o appena acquistato una chevrolet matiz del 2009 gpl mi si accende le spie della alternatore e si ferma x l’impianto frenante penso tutto ok pensate che ho dato via la mia ford focus x risparmiare

  • Danilo I. |

    Vorrei gettare un po di benzina su questo fuoco acceso dal caso.
    A qualcuno risulta che esista un altro difetto riconducibile al servosterzo?
    Vi è mai capitato che girando il volante, lo stesso tremi dannatamente, sia lento, ed emetta un rumore talmente forte da essere udito da pedoni a 40 metri di distanza?
    ovviamente, olio ok, e l’officina Chevrolet non rileva alcun difetto :-))
    (l’evento si presenta da fermo in fase di manovra [a me solo girando verso sinistra])

  • marco |

    Stesso problema, per risolverlo €.1400,00, ho provato a chiedere di poter montare una pompa abs usata di altra annata ma mi hanno risposto che si puo’ montare solo nuova dato che non e’ possibile riprogrammare la centralina, sara’ vero?
    [risponde Maurizio Caprino] In genere, con l’elettronica non si scherza, quindi meglio non rischiare. Consiglio comunque di far presente il caso su SicurAUTO, dove hanno una linea aperta con la Chevrolet.

  • Nunzio schiliro' |

    Anche io mi trovo nella stessa situazione ,quindici giorni fa’ ho cambiato la pompa dei freni a mie spese , e’ alla data attuale mi ritrovo che la mia matiz immatricolata 8giugno 2007, i freni no funzionano con rischio e pericolo sia per il conducente che per terzi , portata in una officina autorizzata il responsabile mia detto che deve contattare la casa madre , per cambiare all’ ABS a sue spese .
    Io ritengo che la chevrolet in riferimento agli articoli dal 102 al 135 del codice del consumo , non solo deve cambiare gratis all’ ABS difettoso , e di richiamare le autovetture immatricolate nel periodo in questione prima che succede un incidente abbastanza serio .
    Catania 23-07-2011

  • beatrice |

    Il problema su cui riflettere secondo me non sono i 32 che hanno urlato, ma sono tutti i possessori della Matiz del 2007 e metà 2008 ai quali ancora non si è presentato il problema.
    A me è successo un mese e mezzo fa e prima non avevo avuto avvisaglie di nessun genere: ad un certo punto prima di una curva freno e il piede mi va in fondo al pedale, i freni sono inesistenti. Mi è andata bene, non c’era nessuno davanti a me…
    La mia macchina è stata manutenuta bene, ho fatto i tagliandi e regolarmente il concessionario chevrolet mi ha controllato i freni. Io non ci sono più salita sulla mia Matiz e ora i freni funzionano … ma il problema altrettanto improvvisamente si potrebbe ripresentare

  Post Precedente
Post Successivo