Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il Viminale (quale?) toglie spray e bastoni ai vigili. Ma le multe si faranno lo stesso?

Oggi è in evidenza un po' dappertutto la notizia della Consulta che ha bocciato i poteri "da sceriffi" dati ai sindaci dalla legge (essenzialmente per volere della Lega). Molto più sotto traccia sta invece viaggiando un siluro che il ministero dell'Interno (sì, proprio quello del leghista Maroni) ha fatto partire proprio contro una dei pilastri su cui nella pratica si fondano i poteri dei sindaci-sceriffi: le armi ai vigili urbani (il cui nome corretto è Polizia municipale). Una circolare dell'altro giorno (Scarica Circolare contro manganelli e spray) sostanzialmente nega la possibilità di armarli fuori da quelle rigidamente stabilite dallo Stato. Questo significa mettere fuori gioco anche le leggi regionali che – anche facendo presa mediatica – hanno autorizzato anche tecniche come gli spray irritanti e i bastoni estensibili (le cosiddette "mazzette").

Nel mondo dei vigili ne è scaturito un putiferio. Con proteste di associazioni professionali che non fanno tanto leva sul "come faremo senza armi?", ma su altre norme e sentenze (Scarica Spray e armi vigili polemica Sulpm Scarica Spray e mazzette risposta Mattarelli Scarica Spray e armi vigili Cassazione limite discrezionalità P.,A. Scarica Spray disamina obiezioni alla circolare). E c'è chi giura che per tirare fuori questa circolare si sia attesa l'assenza di Maroni, impegnato in ben altre faccende nelle ultime settimane (Lampedusa, Tunisi, Parigi e dintorni): secondo loro, ci sarebbe nelle burocrazie ministeriali un apparato ostile ai Comuni. Nessuno può escluderlo, ma è anche vero che non di rado uffici diversi dello stesso ministero si contraddicono. Per esperienza, so che il ministero dell'Interno è tra quelli più a rischio (clamoroso fu quando il Dait, dipartimento Affari interni e territoriali, diede copertura al prefetto di Lodi che - contro ogni legge - aveva "imposto" la propria autorizzazione anche sui controlli automatici ai semafori, causando non pochi mal di pancia nel dipartimento Pubblica sicurezza).

Sia come sia, qui dobbiamo chiederci se si saranno ripercussioni anche sul fronte della sicurezza stradale. Apparentemente no, ma a ben guardare rischiano di essercene. In due sensi (ammesso che poi questa circolare sia ritenuta davvero vincolante, cosa della quale dubito visti i precedenti anche in materia di autovelox).


Guardandola con ottimismo, si può pensare che i vigili si dedicheranno di più ai compiti di prevenzione e repressione delle infrazioni stradali, essendo meno dotati sul fronte delle funzioni di pubblica sicurezza.

Ma si può essere anche pessimisti e notare che – specie in certe realtà urbane degradate – il vigile teme di prendere botte (nel migliore dei casi) da un eventuale trasgressore. Quindi, senza mezzi per difendersi fisicamente, potrebbe anche chiudere tutti e due gli occhi davanti a qualsiasi infrazione.

  • Simona |

    A mio avviso, penso che la polizia locale oggi rappresenta il pilastro portante per la sicurezza nelle città.
    Non riesco a capire perchè il Ministero degli Interni si ostina ad attaccare questi lavoratori.
    Da cittadino Italiano non posso che dare piena solidarietà a tutti i lavoratori della Polizia Locale.
    NON VI ARRENDETE SIAMO CON VOI.

  • Randy |

    Purtroppo nei ministeri, e quello dell’interno non fa eccezione, ci sono dei burocrati che ostacolano le riforme perchè hanno paura di perdere i loro privilegi! Le polizie locali, è altresì evidentissimo fanno (o possono fare!) le stesse identiche cose delle altre forze di polizia dello Stato ma a un costo nettamente inferiore perchè sono più agili e snelle negli organici! Le Polizie dello Stato sono stracolme di dirigenti amministrativi senza alcun impiego operativo che costano una follia e per questi costi tagliano la benzina e personale alle volanti e ai reparti operativi!!

  • giancar |

    mi sembra evidente, all’interno del ministero e ai vertici delle forze dell’ordine c’è una gran paura che i comuni (almeno i più grandi) prendano in mano le redini della sicurezza e la facciano funzionare.
    Sarebbe la torta che sfugge di mano, sarebbe tanto potere in meno. Non credo che lor signori si rassegneranno facilmente.

  Post Precedente
Post Successivo