Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Se il vigile deve fare la guardia alle buche

Trani resterà famosa per la Cattedrale e, forse, l'inchiesta della sua Procura sulle telefonate di Berlusconi per fermare Santoro. Ma sarebbe bene sapere pure che il Comune ha portato avanti un programma contro le buche dall'esito fallimentare, come ha scritto ieri il "Corriere del Mezzogiorno", Conoscendo le continue lamentele delle imprese serie, mi sento di ipotizzare che ciò sia dovuto alla scarsa qualità dei lavori, resa possibile dall'assenza di controlli sulla buona esecuzione: le imprese dicono che ormai sulle strade urbane non li fa più nessuno.

Questo potrebbe spiegare pure l'incredibile denuncia della Cisl (grazie a Francesco Matera per la segnalazione), secondo la quale i vigili di Napoli perdono 3.480 ore all'anno solo per presidiare le buche che si aprono sull'asfalto (complice, stavolta, la struttura del sottosuolo partenopeo, pieno di caverne): poi qualcuno mi dice che i controlli automatici servono solo a fare multe consentendo contemporaneamente ai vigili di stare spaparanzati in ufficio.

Sia come sia, questi sono solo gli ultimi episodi e forse nemmeno i più gravi. Per esempio, tre anni fa esatti di buche era costellato l'intero tratto calabrese della Statale Jonica. E qualche anno prima bastava un inverno più piovoso del solito per mettere in crisi anche l'asfalto drenante delle principali autostrade. Chi controlla la buona esecuzione dei lavori? Non si sa. In compenso dobbiamo mettere i vigili a piantonare le buche.

E che dire della voragine che si è aperta l'altro giorno a Roma, nella nevralgica via Anastasio II? Secondo quanto riporta un commento su Paoblog (http://paoblog.wordpress.com/2010/03/24/roma-voragine-anastasio-ii/), dovrebbe essere colpa addirittura di come la strada fu costruita a fine Anni 50, per la fretta di aprirla in vista delle Olimpiadi.

Fin qui sono solo le storie degli ultimi giorni, limitate alle strade urbane. Ma sulle altre non va troppo meglio. I casi più clamorosi, forse, li ho visti nel 2007 sul tratto cosentino della Statale Jonica e, pochi anni prima, sulla A14 in Romagna (era un inverno molto piovoso). Chi li fa i controlli di buona esecuzione? In compenso, dobbiamo mettere i vigili a controllare che nessuno finisca in una buca.