Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Nuovo Codice – Con lo scooter 125 in autostrada: che male c’è?

La notizia della riforma del Codice della strada che potrebbe “aprire” le autostrade anche a moto e scooter 125 era troppo ghiotta per stare a guardare nei dettagli. E invece valeva la pena farlo: il primo flash dell’Ansa affermava che la novità era frutto di un emendamento presentato dall’Ancma, l’associazione dei fabbricanti. Formalmente è una castroneria (siamo in Parlamento e gli emendamenti li presentano i parlamentari), ma indica una grande verità: di fatto, sono le lobby a fare le leggi. Lo scrivo – come tante altre volte – sottolineando che questo non è necessariamente un male: i lobbisti fanno il loro mestiere, non di rado sono anche più competenti di chi le leggi le fa o le applica e non è automatico che le loro proposte facciano solo gli interessi di chi li paga a scapito di quello generale. Infatti, non di rado sono interessi coincidenti e, quando non lo sono, spetterebbe alla politica ridimensionare le lobby.

In ogni caso, premesso che la riforma del Codice sarà in vigore tra un paio d’anni almeno e fino ad allora potrà essere ampiamente modificata, nella vicenda dei 125 in autostrada non credo ci sia da stracciarsi le vesti: oggi uno scooter 125 è assolutamente simile a un 150 in termini di guidabilità e prestazioni. Tanto più nelle condizioni in cui più di frequente vedremmo i 125 sulla viabilità autostradale, cioè nel traffico dell’ora di punta sulle tangenziali delle maggiori città, a 70-90 all’ora quando va bene. E poi, almeno inizialmente, di 125 ne vedremmo ben pochi: da anni il mercato langue in questa fascia di cilindrata (e questo è uno dei motivi per i quali i costruttori premono). In futuro, se davvero potranno entrare in autostrada, i 125 diventeranno appetibili da chi ha una patente B presa dal 26 aprile 1988 in poi (che abilita a guidare moto solo fino a 125) e non ha voglia o possibilità di prendere anche la A.

Alla fine, la differenza tra un patentato A e uno B sta negli esami di pratica. Che oggi si svolgono facendo manovre su un piazzale, oggi a 50 all’ora (quando va bene), ma fino a un anno fa si facevano a 30. Quindi, non c’è moltissimo da spartire con la guida autostradale.

  • daniele |

    Ma se ci sono 125cc che vanno 40km/h in più degli scooter 150cc. che fanno 115 km/h senza marce ma informati sul vero perché i 125cc. non vanno in autostrada io ho una honda msx 125cc che fa i 125km/h e una capiva freccia che supera i 160km/h e il limite in autostrada di 130km/h
    leggi che riforma del codice della strada ha presentato Ancma due ruote è perfetta anche ciclomotori nelle preferenziali documentati invece di parlare a vanvera siamo entrati in europa mille anni fa e abbiamo questa legge che non esiste in nessun altra parte in germania non ci sono limiti di velocità in alcune strade e transitano anche i 125cc. il problema in italia è la gente che guida col cervello a casa come i nostri politici che pensano solo a spendere soldi per i cavoli loro
    SI AL 125CC. IN AUTOSTRADA SE GUIDATO DA MAGGIORENNI COME IN TUTTA EUROPA CHE LA LEGGE VA IN BASE AI CV NON ALLACILINDRATA CAPRE CAPRE CAPRE COME DICE GIUSTAMENTE SGARBI SIAMO GOVERNATI DA CAPRE

  • Giuseppe Mencancini |

    Da quanto mi risulta in Europa si va in 125 ovunque, e quindi si tratterebbe di un allineamento alle normative europee. Se mai penserei ad autorizzare solo chi ha la patente da almeno 2 anni (quindi almeno diciottenni). Il 125 diventa il mezzo ideale per città, tuttavia rimane comunque penalizzato dalle assicurazioni perché per loro rimane la moto dei sedicenni senza esperienza

  • Andrea |

    Il problema di aprire ai 125 non è la velocità, è il fatto che andranno in autostrada dei sedicenni con poca o nulla esperienza di guida anche in situazioni a rischio come quelle autostradali…

  • Stefano |

    Non credo ci sia bisogno delle iper-125 a 2 tempi anni ’90. I 100-110 km/h che consentono una marcia sicura in autostrada (nella 1° corsia) sono alla portata di quasi tutti i 125 oggi in commercio, che hanno una velocità massima tipicamente di 120 km/h. Non vedo problemi a consentire il transito di questi mezzi, considerato che saranno per lo più brevi tratti di tangenziali urbane ad esserne interessati.

  • 2tempi ForEver |

    Rado hai completamente ragione, infatti consiglio a chi può e ne capisce di ricomprare e restaurare delle vecchie 125 come Aprilia rs, Honda nsr perché tecnologicamente all’avanguardia ed erano prodotti nettamente superiore alla merda koreana e cinese che ormai domina questo mercato..chi vuole intendere intenda!!

  Post Precedente
Post Successivo