Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Autovelox nascosti – Da Milano a Foggia nessuno spiega perché. Ma ora i pm…

Difficile dimostrare che il Comune di Milano imbosca deliberatamente gli autovelox (non solo quelli vecchi, ma anche quelli attivati da questi giorni) per fare tanta cassa (almeno fino a quando gli utenti abituali non si accorgono che esistono, a suon di verbali). Ma è incontrovertibile che le postazioni fisse piazzate in città nel 2014 e in questi giorni sono poco visibili per una serie di ragioni tanto nutrita da far venire il dubbio che non si tratti di pure coincidenze. E poi c’è un filo tra questa e altre storie simili, nelle quali si sfruttano le pieghe delle norme che impongono trasparenza sugli autovelox per continuare di fatto a nasconderli (come ho spiegato in questo articolo): l’assenza di spiegazioni sull’effettiva necessità di piazzare misuratori di velocità proprio dove si è deciso di metterli.

Infatti, anche il comunicato con cui l’assessore Marco Granelli ha annunciato l’entrata in funzione del primo dei nuovi autovelox, quello di viale Palmanova in direzione centro, si limita ad affermare genericamente che l’iniziativa serve per la sicurezza, senza citare una sola statistica sugli incidenti accaduti in quel viale negli ultimi tempi. Esattamente come fece la Provincia di Milano quando installò le postazioni fisse di controllo sul tratto appena raddoppiato della Paullese, tra Mediglia e Pantigliate.

Ma ancora più clamoroso è il caso del tratto della SS 16 (la statale Adriatica) tra Foggia e Cerignola: divenuto superstrada a doppia carreggiata nel 2009, poco trafficato e quasi del tutto rettilineo (quindi velocissimo, almeno in teoria), non ha mai visto incidenti che hanno preoccupato gli esperti che lo conoscono. Eppure il Comune di Cerignola vi ha piazzato quattro postazioni (due per senso di marcia), quello di Ortanova due (una per senso). Dunque, sei controlli di velocità in una sessantina di chilometri (trenta in direzione nord e altri trenta in direzione sud): una concentrazione degna di un’emergenza nazionale (magari le istituzioni si fossero attivate così di fronte ai cavalcavia che crollano e alle carenze di revisioni e guard-rail che quattro anni fa fecero morire 40 persone in un colpo solo).

Quali invece siano i veri scopi di tanto zelo lo suggeriscono due cose:

  • il fatto che il Comune di Ortanova si è fatto mettere fuori uso le postazioni dall’Anas, che contestava un posizionamento in punti diversi da quelli autorizzati dal gestore della strada (e non a caso parliamo di punti ben poco visibili);
  • l’attivismo mostrato negli anni nella fornitura di autovelox dall’ex-direttore dell’Aci di Foggia, passato poi alle cronache per una condanna della Corte dei conti a restituire 800mila euro.

Questo non vuol dire che non ci siano controlli di velocità effettivamente utili o tecnici e politici che la sicurezza ce l’hanno a cuore sul serio e fanno tutto quel che possono per migliorarla: generalizzare è sempre sbagliato e fornisce comodi alibi a chi non li merita. Ma occorre fare pulizia di tante dichiarazioni ufficiali sulla sicurezza che invece nascondono ragioni di business.

Ora per fare pulizia uno strumento c’è: il nuovo Dm Infrastrutture, che ha dato valore vincolante a tutte le direttive precedenti per la trasparenza dei controlli. Ora chi non lo rispetta rischia non solo che i trasgressori multati ingiustamente si facciano annullare le multe dal giudice di pace (in fondo chi presenta ricorso è solo una minoranza dei multati), ma una condanna penale per abuso d’ufficio. Vedremo se i cittadini e le istituzioni preposte a vigilare denunceranno gli abusi alle Procure.

  • Silvio Gevvi |

    Perchè non obbligare alla “multa in diretta”, invece che differita, con una carta di credito finalizzata allo scopo (vedasi Irlanda)?
    I consumatori multati saprebbero, con certezza, quale è il loro debito con le varie amministrazioni sanzonatorie; cosa attualmente assurda specialmente con gli autovelox nascosti. E gli enti l’incasso immediato. Troppo semplice?

  • luigi |

    Il problema è di semplice soluzione : basta guardare le determine fatte dai comuni per dotarsi di misuratori di velocità . Se nella determina si parla di noleggio e di servizi di verbalizzazione messi insieme ( quindi forniture e servizi insieme e su questa modalità ci sono dei dubbi rilevanti) bisogna guardare gli importi . Se l’importo del noleggio è basso rispetto ai prezzi di mercato ( è facilissimo verificare : si può noleggiare a 500 euro l’anno uno strumento che può costare anche 70..000 euro? ) e prezzi di servizio a 30/35 euro a verbale ( poste italiane offre il servizio a circa 6 euro) . Quindi se esistono le condizioni sopra enunciate allora bisogna indagare bene su quello che è stato fatto. Questo è il problema e non certo il misuratore più o meno visibile chi guida sa che deve rispettare i limiti.

  Post Precedente
Post Successivo