Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Coda in autostrada – Il gestore sa ma non lo dice alla radio. Chi guarda app e telecamere?

C’era una volta il lamento continuo sulle informazioni che non informavano: nelle code restavi impigliato anche se ti intignavi a seguire Onda Verde prima e Isoradio poi. Negli ultimi dieci anni, un profluvio di telecamere, sensori mobili, navigatori intelligenti e app ha dato la sensazione di un netto miglioramento. Ma a volte è solo una sensazione. E temo non sia colpa dei limiti della tecnologia, ma di carenze umane. Non so se dolose o colpose, ma insomma…

Prendiamo quello che sta succedendo in queste ore sulla A14, all’altezza del nevralgico svincolo per la diramazione Ravenna, dove il traffico è bloccato in direzione sud e con code pesanti verso nord, a causa di due mezzi pesanti ribaltati e incendiati, con feriti tali da richiedere l’intervento dell’elisoccorso.

Il fumo si vedeva a decine di chilometri di distanza già alle 7,35 e i pannelli a messaggio variabile avvisavano anche chi viaggiava in direzione nord che c’erano genericamente rallentamenti. Cosa normale per un lunedì mattina, per giunta estivo. Su Isoradio, invece, si dava solo avviso per chi viaggiava verso sud di stare prudenti perché c’era un incidente. Dunque, i pannelli a messaggio variabile che informano localmente davano più notizie della radio ascoltata un po’ in tutta Italia e quindi preziosa per chi fa viaggi medi e lunghi, soprattutto se è da solo (quindi, se ha sale in zucca, non sta a consultare le app mentre guida). La realtà era invece che verso sud il traffico era bloccato, con uscita obbligatoria a Imola istituita poco dopo, verso nord si poteva transitare ma si accumulavano chilometri di coda.

L’informazione radiofonica non è migliorata per tutta l’ora successiva, fino al collegamento col responsabile traffico del tronco di Bologna di Autostrade per l’Italia, che ha finalmente dato tutta l’idea della gravità della situazione (tacendo solo il fatto che la coda per chi era rimasto intrappolato nel tratto chiuso era di otto chilometri invece dei quattro annunciati e qualche altro dettaglio però giustificabile dato che in zona la gestione di traffico e chiusure è molto delicata).

Non credo assolutamente che l’iniziale minimizzazione dell’evento sia colpa dei colleghi di Isoradio, che avevano informazioni di cui hanno chiesto puntualmente conferma ad Autostrade per l’Italia. Temo che il problema stia proprio dalle parti del gestore dell’arteria, che di sicuro le informazioni le aveva complete (tra telecamere e proprio personale) ma non le ha date a Isoradio fino a quando non è stato chiaro che la situazione era grave e non poteva più essere minimizzata.

Resta da capire se sia inefficienza, semplice casualità o volontà di nascondere problemi che avrebbero potuto dissuadere qualcuno dal prendere l’autostrada, facendo incassare pedaggi in meno. Di quest’ultima ipotesi si parla da decenni, da quando Autostrade era ancora pubblica. Il sospetto, che ogni tanto si affaccia e stamattina è stato confermato, è che sia ancora così. In barba ad app e telecamere, che non possono informare tutti.

  • Anna Paola |

    Anche io sono una proprietaria di un CHR e non ne sono molto contenta in quanto: la vettura mi si doveva consegnare il 20/04 ma non è stato possibile in quanto aveva già il vetro rotto. Mi hanno dato una sostituzione, dicendomi che dopo un paio di giorni sarebbe stato sostituito. Ma non è stato così. Dopo un mese ho ritirato l auto alle stesse condizioni. E a tuttoggi 27/06 dopo vari reclami non ne so nulla. Nb Questo no pone a loro favore. Grazie.

  • arthemis |

    domanda per gli addetti ai lavori: esistono criteri secondo i quali un incidente/rallentamento è dato per certo e il gestore può quindi darne notizia?

  • Denny |

    Verissimo mentono sempre sulla reale situazione delle code. Gli ordini vengono dall’ alto

  • Raffaella Sarti |

    Salve, stamattina sono entrata in A14 a San Lazzaro (Bologna) in direzione sud alle 8:45 circa e non ho notato alcuna segnalazione di problemi; rallentamenti e code sono però cominciati appena percorsi pochi kilometri; come molti altri, sono rimasta imbottigliata per ore prima di raggiungere l’uscita di Imola (uscita obbligatoria, perché il tratto successivo era stato chiuso). A posteriori mi sono chiesta come mai il casello di San Lazzaro non fosse stato chiuso e anch’io, come Maurizio Caprino nell’articolo, mi domando se la ragione non risieda nel fatto che la Società Autostrade non ha voluto perdere gli introiti dei pedaggi. Se così fosse sarebbe grave, e sarebbe anzi opportuno che su questo venissero fatte le opportune verifiche.

    Peraltro mentre ero ferma in coda ho spesso controllato le informazioni sul sito web di Autostrade; vi si diceva che chi doveva dirigersi verso Sud avrebbe potuto rientrare in autostrada a Faenza: non mi risulta che siano state notizie sul fatto che Imola e dintorni, a cause della fiumana di auto e camion fatti uscire dall’autostrada, per ore sono stati quasi paralizzati, né indicazioni sui possibili percorsi per raggiungere i caselli in cui rientrare in autostrada (indicazioni che forse avrebbero potuto aiutare a evitare l’ingorgo). Io avrei dovuto percorrere un tratto autostradale di 120 km circa; tra code, uscita forzata, percorso esterno all’autostrada, rientro, ci ho messo sei ore.

    Se il pensiero ovviamente va all’autista deceduto e all’altra persona gravemente ferita, la gestione dell’incidente mi pare molto lontana dall’efficienza auspicabile in casi del genere.

    Raffaella Sarti

  • Angelo Silvestri |

    A che serve ISORADIO? Il più delle volte seguo Google MAPS e li avverto io se c’è un incidente o un rallentamento sul GRA. Loro comunicano solo quando il dato è ufficiale, cioè troppo tardi.

  Post Precedente
Post Successivo