Da: Amici della Terra - Valter Baldassarri [[email protected]]
Inviato: martedì 15 settembre 2009 13.36
A: Walter Baldassarri
Oggetto: Emissioni di CO2 dalle auto: Transport & Environment stila la classifica dei costruttori - Un comunicato congiunto di Legambiente e Amici della Terra

Priorità: Alta
LEGAMBIENTE - AMICI DELLA TERRA
 
COMUNICATO STAMPA

 

Emissioni di CO2 dalle auto:

Transport & Environment stila la classifica dei costruttori

 

Roma, 15 settembre 2009 - Nel 2008 i produttori auto hanno ridotto le emissioni di CO2 dei modelli complessivamente venduti sul mercato europeo del 3,3%, portando la media di settore a 153,5 gCO2/km: un miglioramento notevole rispetto agli anni precedenti, secondo il Rapporto “Reducing CO2 Emissions from New Cars: A Study of Major Car Manufacturers” pubblicato oggi da Transport and Environment (T&E) di cui Amici della Terra e Legambiente sono partner italiani.

Ancora oggi però il trasporto su gomma contribuisce al 19% del totale della CO2 emessa in Europa e rispetto al 1990, anno di riferimento per la riduzione di emissioni prevista dal protocollo di Kyoto, le emissioni provenienti da questo settore sono aumentate del 28%. Un dato che dimostra come la strada sia ancora lunga, nonostante l’impegno di alcune case automobilistiche che hanno raggiunto importanti risultati in linea con quanto previsto dalla recente direttiva comunitaria, che ha fissato nuovi obiettivi settoriali al 2015 (130 gCO2/km) e al 2020 (95 g).

Al primo posto della classifica dei produttori, stilata in base ai risultati del rapporto di T&E c’è il gruppo Fiat (138 grammi per chilometro) e al secondo posto troviamo PSA Peugeot-Citroen (139 g/km): i due gruppi sono gli unici ad aver rispettato l’obiettivo dell’accordo volontario del 1998 (140 g/km entro il 2008), recentemente superato dall’entrata in vigore del nuovo Regolamento per la riduzione della CO2 delle auto. Ma risultati importanti di riduzione sono stati ottenuti anche dai gruppi che partivano da posizioni più inefficienti sotto il profilo dei consumi di carburante che hanno generalmente realizzato notevoli miglioramenti nell’ultimo anno: BMW (-10,2%, ora a 154 g), Mazda (-8,2%, 158 g) e Hyundai (-7,6%, 161 g), che rimangono però su valori ancora elevati di emissioni. Meno reattivi i produttori di fascia media, con miglioramento limitato a circa il 2% (Toyota, Honda, GM).

“Sebbene la strada da percorrere sia ancora lunga - ha dichiarato il responsabile scientifico di Legambiente Stefano Ciafani - i dati confermano come la riduzione delle emissioni di CO2 sia un obiettivo comune delle case automobilistiche europee, grazie al nuovo regolamento. Ma non bisogna dimenticare l’influenza che in questo settore hanno avuto l’aumento del prezzo del petrolio tra 2007 e 2008, e la crisi finanziaria, che hanno spinto verso l’economicità e l’efficienza. Direzione già intrapresa da Fiat e PSA Peugeot, rispettivamente al primo e secondo posto nella classifica, che dimostrano come combinando la performance ambientale e la spinta innovativa, sia possibile vincere la doppia sfida: climatica ed economica”.

Lo studio T&E pubblica anche la classifica degli Stati in base all’efficienza media delle auto vendute: mentre il Portogallo si conferma nel 2008 al primo posto con un’emissione media dal nuovo parco macchine di 138 gCO2/km (- 4,1% rispetto all’anno precedente), l’Italia (145 g, - 1,2%) perde il secondo posto, sopravanzata dall’incredibile prestazione della Francia (140 g, - 6,2%). Gran Bretagna e Germania (complessivamente il 36% del mercato europeo) occupano posizioni di retroguardia, rispettivamente con 159 g e 166 g, livelli molto superiori alla media comunitaria (153,5 g).

Massimiliano Bienati, responsabile degli Amici della Terra Italia per la campagna sull’efficienza energetica e la riduzione delle emissioni di CO2 delle auto, coordinata dai Friends of the Earth Europe, dichiara: “Questi dati testimoniano gli enormi spazi di riduzione delle inefficienze in Europa e la corresponsabilità degli Stati nel ridurle. Non basta che le case offrano alcuni modelli più efficienti, se poi ai consumatori non viene data l’opportunità di valutare consapevolmente scelte di consumo più sostenibili. Occorre una politica complessiva dei trasporti e dell’ambiente, fatta di strumenti regolatori ed economici, qualità dell’offerta e maggior cura nella comunicazione con il consumatore. Gli Amici della Terra hanno più volte rimarcato non solo l’assenza di controlli nel rispetto della normativa vigente sui consumi ed emissioni delle auto nella pubblicità, ma anche la sua inadeguatezza. Occorre modificare l’attuale etichetta, che ora informa poco, per dare un chiaro segnale ai consumatori di quanto andranno a consumare, quanto spenderanno e quanto danno arrecheranno alla collettività e all’ambiente con le loro scelte di acquisto: forse in questo modo si riuscirà a indirizzare i cittadini verso una maggiore sobrietà, verso le loro stesse convenienze”.

 

Classifica 2008 per media di CO2 del venduto

Gruppi

 

Posizione2007

vendite 2008 (1,000)

Media delle emissioni di CO2 (g/km)

2008

2007

% 2007-2008

1 Fiat

2

1,131,005

138

142

-2.9%

2 PSA Peugeot-Citroen

1

1,794,593

139

142

-2.0%

3 Renault

3

1,253,371

143

147

-3.2%

4 Toyota

4

784,054

147

150

-2.4%

5 Hyundai

7

467,673

149

161

-7.6%

6 Ford

8

1,388,335

152

163

-6.7%

7 GM

5

1,366,069

153

157

-2.3%

8 Honda

6

8,285,577

154

157

-2.2%

9 BMW

12

245,395

154

172

-10.2%

10 Suzuki

9

784,736

156

164

-4.9%

11 Mazda

13

229,074

158

172

-8.2%

12 Volkswagen

10

229,596

159

165

-3.3%

13 Nissan

11

2,870,570

161

168

-4.0%

14 Daimler

14

323,340

175

182

-3.8%

Fonte: T&E, “Reducing CO2 Emissions from New Cars: A Study of Major Car Manufacturers' Progress in 2008”,  September 2009

 

Classifica 2008 per Paesi

 

Vendite

2008 (1.000)

Media CO2

g/Km 2008

Media

CO2 g/Km 2007

Variazione  2007-2008

Posizione 2007

1 Portogallo

215

138

144

-4,1%

1

2 Francia

2.037

140

149

-6,2%

4

3 Italia

2.162

145

147

-1,2%

2

4 Danimarca

146

146

160

-8,3%

12

5 Malta

5

147

148

-0,6%

3

6 Belgio

536

148

153

-3,2%

5

7 Spagna

1.045

148

153

-3,4%

6

8 Polonia

302

153

154

-0,4%

7

9 Ungheria

163

153

155

-1,0%

10

10 Repubblica Ceca

134

154

154

0,1%

8

11 Slovenia

71

156

156

-0,3%

11

12 Romania

285

156

155

0,7%

9

13 Irlanda

151

157

162

-3,0%

13

14 Paesi Bassi

481

158

165

-4,2%

15

15 Austria

294

158

163

-2,9%

14

16 Regno Unito

2.084

158

165

-4,0%

16

17 Lussemburgo

52

160

166

-3,8%

18

18 Grecia

276

161

165

-2,6%

17

19 Finlandia

137

163

177

-8,2%

22

20 Germania

3.044

165

169

-2,7%

19

21 Cipro

24

166

170

-2,8%

20

22 Lituania

21

170

177

-3,7%

21

23 Svezia

248

174

181

-4,1%

23

24 Estonia

24

177

182

-2,3%

24

25 Lettonia

19

181

183

-1,5%

25

Totale/media

13.957

153,5

158,7

-3,3%

 

I dati sono relativi a 25 Stati Membri, Bulgaria e Slovacchia non hanno fornito i dati in tempo utile. Considerati insieme, le vendite di auto in questi due paesi rappresentano meno del 1% delle vendite dell’Europa dei 27

Fonte: T&E, “Reducing CO2 Emissions from New Cars: A Study of Major Car Manufacturers' Progress in 2008”,  September 2009

Il dossier è scaricabile da: www.transportenvironment.org/Publications/prep_hand_out/lid:549

 
 
 
Amici della Terra - Friends of the Earth Italy
Direzione nazionale
Via di Torre Argentina, 18 - 00186 Rome (Italy)
TEL. 06.6868289 - 06.6875308 - FAX: 06.68308610
Mail: [email protected]
WEB site: www.amicidellaterra.
 
Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - "Codice in materia di protezione dei dati personali", si precisa che le informazioni contenute in questo messaggio e negli eventuali allegati sono riservate e per uso esclusivo del destinatario. Persone diverse dallo stesso non possono copiare o distribuire il messaggio a terzi. Chiunque riceva questo messaggio per errore, è pregato di distruggerlo e di informare immediatamente il mittente.
*******************************
This email and the information it contains are confidential and intended solely for the exclusive use of the individual to whom it is addressed. If you are not the intended recipient, this email should not be copied, forwarded, or printed for any purpose, or the contents disclosed to any other person