Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Test gomme – Il battistrada usurato va ancora bene ma Michelin tace sull’aquaplaning

Dopo anni in cui sono stati tutti d’accordo nel dire che il limite minimo di legge di 1,6 millimetri per la profondità del battistrada delle gomme è insufficiente a garantire sicurezza, adesso la Michelin convoca i giornalisti per mostrare che si può anche circolare tranquillamente anche con 1,6. E i giornalisti danno conto dei vari test organizzati dalla Michelin e che dimostrano la tesi. Ma, a parte qualche opportuno inciso di Quattroruote che lambisce la questione, non si è ancora letto di nessuno che abbia fatto notare che questi sono solo test di frenata, anche sul bagnato.

Dove sta il problema? Sta nel fatto che il test più critico per la profondità del battistrada è quello dell’aquaplaning: occorre che le scanalature del battistrada abbiano abbastanza profondità per smaltire l’acqua che “catturano” dall’asfalto, altrimenti la gomma si mette a “galleggiare” impedendo qualsiasi tentativo di controllare il veicolo.

Sarebbe bello vedere anche i risultati di un test del genere, dunque.

Altrimenti, l’iniziativa della Michelin resta un modo per dire al pubblico che la qualità costruttiva delle migliori gomme consente anche di sfruttarle più a lungo rispetto a oggi (con risparmi per l’utente e minore sfruttamento dell’ambiente per la produzione), ma facendo attenzione sul bagnato. Tra l’altro, da quanto appare nei resoconti dei giornalisti che si sono peritati di dare le cifre, la differenza negli spazi di arresto tra le gomme nuove e quelle usurate non è certo drammatica, ma è comunque sensibile.

  • Paoblog |

    A prescindere dalla giusta osservazione in merito all’aquaplaning, sottovalutato (o ignorato) da molti, visto come entrano in certe pozze d’acqua, sarà anche vero quello che dice Michelin, ma francamente resto dell’idea che qualche volta sarebbe meglio tacere una verità che possa portare a dei facili alibi per i più superficiali.

    Già con il limite di 1,6 mm. c’è gente che arriva dal gommista con gomme lisce come quelle viste recentemente dal mio gommista; ci manca solo di invitarli a cambiare le gomme all’ultimo momento; sempre che poi lo facciano.

    Per capire la scarsa percezione del pericolo, ad esempio: https://paoblog.net/2009/03/10/gomme-lisce/ oppure https://paoblog.net/2011/04/19/gomme-lisce-2/

  Post Precedente
Post Successivo