Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Se hai la cintura te la cavi con un bacio all’airbag. Altrimenti le cinque stelle al crash test non ti salvano. Il caso 500 negli Usa

Bacio Airbag

 

No, questa non è una foto costruita ad arte per una campagna pubblicitaria. Quello che vedete è un airbag scoppiato davvero in un incidente stradale e l'Asaps garantisce che anche quella macchia di rossetto è autentica. Nel senso che l'ha lasciata una donna coinvolta in uno scontro frontale, che indossava le cinture e per questo se l'è cavata con poco più di un "bacio" all'airbag. Ben peggio è andata a chi viaggiava sull'altra auto coinvolta nell'incidente e sembra che la differenza l'abbia fatta proprio il fatto che non indossassero le cinture.

Precisiamo che in uno scontro frontale le differenze dipendono anche dal tipo di auto e dall'angolo d'impatto. Lo scriviamo da sempre, ma l'ultimo esempio che lo conferma è clamoroso: avete visto su Quattroruote di questo mese che negli Usa la Fiat 500 è passata da ottima a pericolosa solo perché i nuovi crash test dell'Iihs oltreoceano prevedono un urto concentrato su appena il 25% del frontale? Alcune coreane, invece, sono nate già per essere testate su un impatto di questo tipo e non hanno perso nulla nel cambio di modalità del test. E dobbiamo considerare che anche in Europa nel 2007 la 500 prese le cinque stelle Euroncap, ma la versione americana che con i criteri Usa di oggi è stata classificata come critica è pure migliore rispetto a quella europea.

Al netto di queste cose, ripetiamo che la cintura fa la differenza. Anzi, proprio il caso-500 dimostra che non possiamo affidarci alla capacità dell'auto di assorbire gli urti, se non altro perché ci sono milioni di urti possibili. E comunque le scocche sono – giustamente – progettate per proteggere chi si allaccia: si disperderebbero risorse e possibilità preziose.

Dunque, ben venga questa campagna dell'Asaps sulle cinture.

  • Luigi |

    Articolo interessante. Si ribadisce cmq che Fiat fa autovetture monnezza
    [risponde Maurizio Caprino] I resoconti dei crash test abbondano di esempi di auto di vari marchi non all’altezza delle aspettative.

  Post Precedente
Post Successivo